Al via stabilizzazione degli ex Pip. La protesta: "Anche gli Asu ne hanno diritto" :ilSicilia.it
Palermo

Incognita impugnativa, si attende il giudizio della Consulta

Al via stabilizzazione degli ex Pip. La protesta: “Anche gli Asu ne hanno diritto”

di
17 Settembre 2018

E’ stata avviata in questi giorni la procedura di stabilizzazione dei 2.008 ex Pip del bacino “Emergenza Palermo” in possesso dei requisiti, che da mesi attendono di passare alla Resais, la società partecipata della Regione Siciliana, con un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Una procedura contestata dal governo nazionale, che aveva impugnato la norma in questione, approvata dall’Assemblea regionale siciliana nell’ultima finanziaria. Secondo Roma la legge sarebbe viziata da profili di incostituzionalità poichè consentirebbe di essere assunti dalla Pubblica amministrazione senza passare da concorsi pubblici.

Da allora la situazione è rimasta inalterata. A sbloccare l’impasse giurisdizionale la costituzione in giudizio della Regione innanzi alla Corte Costituzionale, dove pende il giudizio di legittimità. Nelle more che i giudici si pronuncino definitivamente l’Assessorato competente, nella fattispecie quello alla famiglia e al lavoro, è tenuto a dare attuazione al percorso disposto da Sala d’Ercole. Un iter, quindi, pieno di incognite. In caso di sentenza positiva, infatti, sarebbe tutto da annullare.

La notizia ha richiamato l’attenzione degli Asu, un’altra categoria di precari storici che al pari dei Pip da decenni lavorano alle dipendenze dello Stato e che pertanto chiedono gli stessi diritti dei dipendenti pubblici. “Gli Asu hanno diritto alla stabilizzazione come i Pip. Ci auguriamo, pertanto, che il governo Musumeci e l’Assemblea regionale siciliana trovino al più presto le soluzioni legislative necessarie per dare seguito anche alla stabilizzazione dei 5.288 lavoratori Asu”, dicono Vito Sardo e Mario Mingrino, del Csa Dipartimento Asu.

“I sindacati – aggiungono – hanno già fornito diverse proposte concrete. Proposte condivise dall’Assessorato competente e sostenute da molti deputati che hanno pure presentato alcuni disegni di legge, nonché da diverse forze di maggioranza e opposizione. E’ arrivato il momento di discuterle in Aula. Adesso è solo una questione di volontà politica. Governo e Parlamento devono finalmente riconoscere la dignità di questi lavoratori, dopo circa 20 anni di lavoro precario nella Pubblica amministrazione, o continuare a chiudere gli occhi”.

“Le istituzioni non possono far finta di non vedere che al loro interno ci sono lavoratori che svolgono importante mansioni, sopperendo alle gravi carenze di organico, in cambio di un sussidio di poche centinaia di euro e senza percepire un solo giorno di contributi. Dobbiamo dare una svolta alla vertenza degli Asu – concludono Sardo e Mingrino –  per questo siamo disposti nelle prossime settimane ad attivare tutte le azioni di protesta e di lotta”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro