Alberghi, biglietti aerei e guide: la distribuzione dei 75 milioni della Regione per il turismo :ilSicilia.it

Tutte le misure

Alberghi, biglietti aerei e guide: la distribuzione dei 75 milioni della Regione per il turismo

di
17 Settembre 2020

Liquidità immediata per la aziende e gli operatori del settore del turismo: tour operator e agenzie di viaggi, ma anche le guide. E’ questo lo spirito con cui il Presidente della Regione Nello Musumeci e l’assessore regionale al Turismo, allo sport e allo spettacolo Manlio Messina hanno presentato le misure di sostegno dedicate al comparto.

Manlio Messina

Nel dettaglio, la Regione intende sostenere il settore con l’acquisto di servizi turistici dagli operatori. Prevista anche l’emissione di voucher, per mettere a disposizione dei potenziali turisti servizi utili a incentivare la domanda e la conseguente offerta, in modo da immettere liquidità nel sistema turismo siciliano.

Nel dettaglio, saranno a disposizione 640 mila voucher validi fino al 2023 e si punterà ad acquisire servizi in tutta la filiera in base ai codici Ateco. Due le fasi previste: nella prima si potranno acquistare i servizi che, in un secondo momento, saranno inseriti all’interno della piattaforma multimediale alla quale avranno accesso solo operatori siciliani. Sono previsti pernottamenti di almeno tre giorni, ma anche sconti sui biglietti aerei.

La dotazione finanziaria messa a disposizione per il settore è di circa 75 milioni (74 milioni e 900 mila euro), suddivisi in diverse macro-categorie di spesa: acquisto di posti letto dalle strutture ricettive, acquisto di servizi guida, accompagnatori, diving ed escursioni, acquisto di sconti sui biglietti aerei, rimborso biglietti luoghi della cultura e attività di promozione.

Due i termini per la presentazione delle domande: 30 novembre è prevista la scadenza per le istanze sulla piattaforma dedicata mentre per il 4 dicembre è fissata quella per la presentazione delle istanze da parte delle compagnie aeree.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.