Alberto Losacco è il nuovo commissario regionale siciliano del Partito democratico :ilSicilia.it

Pugliese, è deputato nazionale

Alberto Losacco è il nuovo commissario regionale siciliano del Partito democratico

di
26 Luglio 2019

Alberto Losacco è il nuovo commissario regionale del Pd in Sicilia: Questa la decisione da parte della Direzione nazionale del partito su proposta del leader del partito Zingaretti. Una decisione necessaria per mettere acqua sul fuoco in merito alla situazione rovente che in questi mesi ha scandito le cronache politiche del Partito democratico nell’Isola.

Pugliese, Losacco è deputato nazionale del Partito Democratico ed stato eletto per la prima volta in Parlamento nel 2008: è stato nel 1995 fondatore di uno dei primi Comitati Prodi e, nel 1996, responsabile organizzativo nazionale dei Giovani per l’Ulivo. Dal 1999 ha seguito gli aspetti organizzativi e la comunicazione politica de “I Democratici” di Prodi e Parisi. Con la nascita de La Margherita, dal 2002 ha gestito l’ufficio comunicazione e propaganda, incarico che ha ricoperto fino al suo scioglimento. Nel 2006 viene chiamato a capo della segreteria del primo Presidente del gruppo parlamentare de L’Ulivo, Dario Franceschini. Nel 2007 ha coordinato, insieme a Vinicio Peluffo, il Comitato “La Nuova Stagione”, la struttura di sostegno – nella campagna elettorale per le elezioni primarie del 14 ottobre – la candidatura alla guida del Partito del ticket Veltroni – Franceschini. All’interno del PD ha ricoperto l’incarico di direttore della struttura centrale e dal 2007 al 2009 di responsabile nazionale Campagne di Comunicazione ed Eventi. Attualmente nel Pd è componente della Commissione Nazionale di Garanzia.

La sua nomina arriva a seguito della decisione, con cui la commissione nazionale di garanzia del Pd, presieduta da Silvia Velo, ha accolto i ricorsi dei tre membri zingarettiani della commissione regionale per il congresso (Agata Teresi, Franco Nuccio, Meni Pirrone) e quello di Antonio Ferrante, per i quali l’elezione di Davide Faraone era illegittima.

L’organo nazionale del partito, dopo aver rinviato per tre volte la decisione, s’è pronunciato la scorsa settimana decretando l’illegittimità delle procedure a seguito delle quali era stato nominato Faraone. Con 5 voti a favore e 3 contrari, la commissione nazionale di garanzia del Pd ha annullato l’elezione di Davide Faraone, proclamato lo scorso 13 dicembre segretario dei democratici in Sicilia.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.