Albo formazione professionale, Messina (UGL): "No a polemiche, la credibilità del settore non si tocca" :ilSicilia.it

LE PAROLE DEL SEGRETARIO GENERALE

Albo formazione professionale, Messina (UGL): “No a polemiche, la credibilità del settore non si tocca”

di
23 Aprile 2020

“Sulle polemiche innescate sullo slittamento del termine di scadenza dell’aggiornamento dell’Albo degli operatori della formazione professionale previsto dalla legge regionale 23 del 2019 è opportuno un chiarimento per evitare che l’opinione pubblica possa intercettare opacità gestionale o peggio ancora clientele e affarismo che sono lontane dalla realtà in un settore che ha già pagato negli anni scorsi un scotto pesantissimo in termini di credibilità e di occupazione”.

A dichiararlo è Giuseppe Messina, Segretario Regionale Ugl Sicilia.

La decisione dell’Assessorato regionale dell’istruzione e della formazione professionale di prorogare al 15 maggio 2020 il termine di scadenza per l’aggiornamento dell’Albo inizialmente previsto al 20 aprile –aggiunge – è stato sostenuto da un lungo ed articolato confronto con le Parti sociali che hanno richiesto all’Assessore Lagalla di rivedere la decisione“.

“A supporto di tale richiesta avanzata dalle OO.SS., compreso l’Ugl la consapevolezza che lo slittamento si sia reso necessario per venire incontro ai tanti lavoratori impossibilitati a spostarsi a causa dell’emergenza epidemiologia ed alle restrizioni imposte dai vari DPCM e Ordinanze del Presidente della Regione Siciliana per sopperire alla mancato possesso di dotazione informatica o collegamento internet necessari per effettuare l’aggiornamento telematico”.

Slittamento del termine – chiarisce Messina che ha partecipato a tutti gli incontri –  ampiamente discusso anche in una apposita seduta della Commissione Cultura, Lavoro e Formazione professionale dell’Ars. Tema affrontato pubblicamente e dibattuto ampiamente in Audizione anche dalla rappresentanza parlamentare nella qualità di Componente della Commissione di merito”.

Non si comprendono le ragioni di tanta polemica – rilancia il Segretario Ugl Sicilia – perchè, semmai, va rimarcata la tempistica decisa dall’assessore dell’Istruzione che ha dato una accelerazione comprimendo i tempi al procedimento di aggiornamento dell’Albo perché la legge regionale n.23/2019, entrata in vigore il 7 gennaio 2020 ha disposto all’Assessore al ramo di avviare entro e non oltre 120 giorni la procedura di aggiornamento e cioè, in altre parole, entro il 7 maggio e l’assessore  comprimendo le procedure, ha creato condizioni affinchè il tutto si chiudesse al 20 aprile, molto prima dei tempi assegnati dal legislatore per l’avvio dell’aggiornamento”.

A sostegno della tesi della inutilità delle polemiche – sottolinea il sindacalista – anche la previsione contenuta nel decreto legge Cura Italia di sospendere i termini amministrativi in scadenza di 60 giorni, cosa che l’assessorato non ha fatto e che avrebbe potuto fare allungando oltremisura i termini”.

Peraltro i numeri non sostengono le ragioni di chi vuol agitare inutilmente le acque in un settore che ha ricostruito a fatica la credibilità – puntualizza Messina – perché ad oggi sono 4652 le istanze presentate per l’aggiornamento, di cui 4521 confermate su circa 6300 aventi diritto”.

E poi il paventato rischio di violazione del diritto alla chiamata al lavoro non sussiste – conclude – nella misura in cui di fronte ad un eventuale Avviso pubblico l’Albo a cui fare riferimento è il precedente ad oggi ancora in vigore a differenza di quello previsto dalla legge regionale 23/2019 ancora in corso di perfezionamento. Ugl richiama al senso di responsabilità tutti gli attori in campo perché l’emergenza pandemica ha cambiato la vita e le abitudini e serve, oggi più che ieri, grande senso civico e rispetto delle regole. Le polemiche si ma se sostenute da circostanze vagliate e oggettive”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti