24 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.29

Coinvolti 28 comuni dell'area centro occidentale e 250 aziende

Alimentare: nasce Sikania il “Distretto del cibo Bio-mediterraneo”

22 Luglio 2019

Nasce il “Distretto del cibo Bio-mediterraneoSikania. L’iniziativa avviata in un contesto territoriale che si sviluppa dai Monti Sicani sino al parco archeologico di Selinunte e Agrigento. L’area dei Monti Sicani si estende su una superficie di circa 80 mila ettari nella Sicilia centro occidentale, dove insistono cinque riserve naturali.

I comuni coinvolti sono 28: Corleone, Campofiorito, Bisacquino, Chiusa Sclafani, Giuliana, Palazzo Adriano, Prizzi, Contessa Entellina, Partinico, Monreale, Agrigento, Burgio, Bivona, Santo Stefano Quisquina, Caltabellotta, Sambuca di Sicilia, Menfi, Santa Margherita di Belice, Montevago, Sciacca, Santa Elisabetta, Porto Empedocle, Raffadali, Cammarata, Licata, Caltanissetta, Riesi e San Cono.

Soggetto capofila della costituita Ats Sikania è il Bio Distretto Borghi Sicani con sede a Sambuca di Sicilia, guidato dalla presidente Antonella Murgia.

Gli obiettivi del Distretto del cibo Bio-Mediterraneo – spiega – sono lo sviluppo territoriale delle comunità rurali e costiere, garantire la coesione sociale, garantire la sicurezza alimentare, diminuire l’impatto ambientale, ridurre lo spreco alimentare, salvaguardare il territorio e il paesaggio rurale e marino“.

La pianificazione territoriale – dice il direttore del Bio Distretto Borghi Sicani, Giuseppe Oddo ente capofila del Distretto – prevede un piano di integrazione che mette a sistema le filiere facendo rete, creando sinergie, attraverso azioni di coesione in stretta collaborazione tra realtà agricole, ittico-conserviere, turistiche, attività di prossimità, enti pubblici in una forma compiuta di applicazione del principio di sussidiarietà“.

Complessivamente sono circa 250 le aziende agricole delle diverse filiere coinvolte con un volume di affari complessivo pari a 140 milioni di euro.

Hanno aderito al Distretto importanti realtà agricole economiche di rilievo nazionale ed internazionale come le cantine Settesoli di Menfi, La Goccia D’Oro, la cantina Cellaro di Sambuca di Sicilia, la Bonolios di Sciacca, la O.P. Olio Verde di Sicilia , Principe di Corleone-Pollara, Societa’ Casa Montalbano, Azienda la Bona Furtuna, Societa’ Le Cuspidi di Raffadali, Consorzio Di Tutela della Vastedda della Valle del Belice Dop, Rete Ovinicoltori Siciliani, Associazione strada del vino Terre Siciliane, Associazione strada del vino e dei sapori Val di Mazara, Associazione per la Tutela del Pistacchio Raffadali, e altri realtà locali, piccole e medie aziende.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.