10 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.59
Palermo

Domenica 16 dicembre 2018

Alla fattoria Ruralia le dolcezze di Natale

14 Dicembre 2018

Il Natale è dolce in Sicilia perché nella civiltà contadina, con l’arrivo del buio e del freddo dell’inverno, i dolci riscaldavano l’anima e il cuore.

Il Buccellato, in siciliano “cucciddato” o “vurciddatu” deriva dal latino “buccellatum” che significa pane da sbocconcellare. Il ripieno, “‘u chinu”, è costituito da mandorle tritate, zucca candita e cioccolato; la coloritura è gialla con sfumature che variano dal paglierino all’ambrato, con consistenza morbida. Si prepara con la farina di un grano gentile, la Maiorca.

La scattata, dolce tipico di Alia, è tra i più salutisti dei dolci: solo mandorle tostate, poco zucchero e poca acqua, fatti a palline a messi in forno tiepido aspettando che scatta.

La catena generazionale, madri, figlie e nonne, qualche settimana prima del Natale, si riuniva e in un locale dotato di forno a legna, per l’occasione trasformato in laboratorio dolciario, iniziava la lunga preparazione che durava diversi giorni. Con dovizia e pazienza si predisponevano questi meravigliosi gioielli alimentari che dovevano consumarsi all’annuncio della nascita di Gesù.

 

Domenica 16 dicembre 2018 alla Fattoria Ruralia

ORE 11 BENVENUTO IN FATTORIA

LABORATORIO DOLCI: dal grano Maiorca ai BUCCELLATI E SCATTATE. LABORATORIO DEL LATTE, FORMAGGI E RICOTTA

ORE 13 PRANZO

Pane cunzato di grani antichi cunzato con olio di oliva, acciughe e pecorino Zuppa di legumi e cereali

Pasta con cavolicelli e salsiccia

Pasta con astratto di pomodoro siccagno e mollica atturrata Carni bianche e patate a forno

Bruciulune di cutina di maiale Verdure spontanee saltate in padella Frutta di stagione

Dolcezze di Natale

 

€ 25 – Gratis fino a 4 anni – 50% fino a 12 anni – Sconto 10% per gruppi superiori a 10 persone
ALIA (PA) – Contrada Porcheria SS 121 – Palermo-Catania km 182.500 3343517518 – 3664519067
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Una Mattina Diversa

Carissimi, erano quasi le ore 20.00 quando al mio congestionato telefonino mi giunse una telefonata da un numero al quale non potevo non rispondere. La voce era quella del segretario particolare del segretario del grande capo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.