15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.24
Palermo

Domenica 16 dicembre 2018

Alla fattoria Ruralia le dolcezze di Natale

14 Dicembre 2018

Il Natale è dolce in Sicilia perché nella civiltà contadina, con l’arrivo del buio e del freddo dell’inverno, i dolci riscaldavano l’anima e il cuore.

Il Buccellato, in siciliano “cucciddato” o “vurciddatu” deriva dal latino “buccellatum” che significa pane da sbocconcellare. Il ripieno, “‘u chinu”, è costituito da mandorle tritate, zucca candita e cioccolato; la coloritura è gialla con sfumature che variano dal paglierino all’ambrato, con consistenza morbida. Si prepara con la farina di un grano gentile, la Maiorca.

La scattata, dolce tipico di Alia, è tra i più salutisti dei dolci: solo mandorle tostate, poco zucchero e poca acqua, fatti a palline a messi in forno tiepido aspettando che scatta.

La catena generazionale, madri, figlie e nonne, qualche settimana prima del Natale, si riuniva e in un locale dotato di forno a legna, per l’occasione trasformato in laboratorio dolciario, iniziava la lunga preparazione che durava diversi giorni. Con dovizia e pazienza si predisponevano questi meravigliosi gioielli alimentari che dovevano consumarsi all’annuncio della nascita di Gesù.

 

Domenica 16 dicembre 2018 alla Fattoria Ruralia

ORE 11 BENVENUTO IN FATTORIA

LABORATORIO DOLCI: dal grano Maiorca ai BUCCELLATI E SCATTATE. LABORATORIO DEL LATTE, FORMAGGI E RICOTTA

ORE 13 PRANZO

Pane cunzato di grani antichi cunzato con olio di oliva, acciughe e pecorino Zuppa di legumi e cereali

Pasta con cavolicelli e salsiccia

Pasta con astratto di pomodoro siccagno e mollica atturrata Carni bianche e patate a forno

Bruciulune di cutina di maiale Verdure spontanee saltate in padella Frutta di stagione

Dolcezze di Natale

 

€ 25 – Gratis fino a 4 anni – 50% fino a 12 anni – Sconto 10% per gruppi superiori a 10 persone
ALIA (PA) – Contrada Porcheria SS 121 – Palermo-Catania km 182.500 3343517518 – 3664519067
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.