Davide Faraone non è più il segretario regionale del Pd :ilSicilia.it

la decisione del partito nazionale

Davide Faraone non è più il segretario regionale del Pd

19 Luglio 2019

Alla fine il verdetto è arrivato, il senatore renziano del Pd, Davide Faraone non è più segretario regionale del Partito democratico.

La commissione nazionale di garanzia dei democratici ha annullato l’elezione regionale del Pd in Sicilia. Il partito ha accolto i ricorsi arrivati a Roma dalla candidata alla segreteria Teresa Piccione.

La polemica che ha accompagnato la corsa alla segreteria del Partito democratico siciliano, con le primarie annullate a 48 ore dall’apertura dei gazebo, senza congressi nei circoli, era arrivata dritta e veloce a Roma. La sua avversaria politica, Teresa Piccione, franceschiniana di Area Dem e vicina al presidente della Regione Lazio e segretario nazionale del Pd, Nicola Zingaretti, ha rinunciato alla corsa, accusando i renziani di violare le regole e annunciando ricorso al Tar. Sull’Isola è andata così in scena, in modo plastico, l’ennesima resa dei conti tra correnti. E già si sente l’aria di scissione.

Adesso, si ripristina l’agibilità del partito democratico” afferma l’ex deputata del Pd, Teresa Piccione a IlSicilia.it. “Finalmente si ridà dignità ad un partito in questa Isola che puo’ ripartire dalla base, dai circoli e da una linea politica comune“.

Appresa la notizia da Roma, l’ex segretario regionale del partito democratico a quanto pare ha inoltrato un sms comune a tutti i suoi compagni ed amici politici scrivendo: “Solo per informarvi che mi hanno appena commissariato. Ci abbiamo almeno provato a cambiare il Pd in Sicilia“.

Adesso a Nicola Zingaretti non resta altro che nominare un commissario del partito in Sicilia. Tecnicamente decade anche il vice di Davide Faraone, ossia: Antonio Rubino.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Che Vuoi che Sia?

Basta che uno di questi missili venga lanciato “per errore”, che questi giocatori di Risiko non da tavolo, ma con le vite altrui, sbaglino ………. e un missile giunga su di noi, “finiu u cinema”!