Alla GAM: "Henri Cartier-Bresson Fotografo", il senso della vita tutto in uno scatto [VIDEO] :ilSicilia.it
Palermo

In mostra fino al 25 febbraio 2018

Alla GAM: “Henri Cartier-Bresson Fotografo”, il senso della vita tutto in uno scatto [VIDEO]

di
21 Ottobre 2017

Il secondo appuntamento con i grandi maestri della fotografia, all’interno della Galleria d’Arte Moderna di Palermo, vede come protagonista Henri Cartier-Bresson, l’occhio del secolo, fondatore insieme a Robert Capa dell’agenzia Magnum Photos.

La mostra “Henri Cartier-Bresson Fotografo“, curata da Denis Curti e Andrea Holzherr, consta di 144 scatti suddivisi secondo un percorso logico dettato tanto dai soggetti immortalati quanto dalle sale espositive.

Gettare l’occhio sulle opere del fotografo francese è un’esperienza vivificante e interrogativa.

A partire dal bianco e nero, che non lascia sfuggire intensità e dettagli catturati dall’obiettivo e impressi sulla pellicola, supporto non “manipolato” che, semplicemente, accoglie l’impeto della visione.

Un’osservatore attento scorgerà, tra l’altro, gli spazi della pellicola stampati e, sempre, un contorno nero a contenere lo scatto; unica eccezione a questa modalità è l’immagine simbolo della mostra, “Gare Saint Lazare” (1932), nella quale Cartier-Bresson si concedette la possibilità di ritagliare la stampa.

Una fotografia che non mente, semmai conferma l’intenzione dell’autore: condividere frammenti del quotidiano raccolti in tutto il mondo e che, oggi, nell’epoca del digitale, del fugace e del virtuale, assumono ulteriore significazione.

Entrando dalla prima sala si trovano le sezioni “Gli Esordi“, “Le Icone” e “Mondo” con gli scatti che hanno reso il fotografo emblema dello “scatto paziente“, per poi passare alle “Immagini“, all'”Europa” e all'”Istante Decisivo“, che accolgono, tra gli altri, momenti come la cremazione di Ghandi e l’incoronazione di Giorgio VII (1937), e poi ancora molte delle città italiane visitate da Cartier-Bresson.

Oltre ai volti dei personaggi più importanti del secolo nel panorama culturale e sociale: da Truman Capote ad Alberto Giacometti, da Saul Steinberg a Henri Matisse, per citarne alcuni.

Ma la cosa che forse non tutti sanno è il forte legame che Cartier-Bresson ebbe con la Sicilia e in particolare con Palermo: è qui, infatti, in una camera di Villa Igiea, che il fotografo venne concepito durante il viaggio di nozze dei genitori. Fu lui stesso a rivelare a Ferdinando Scianna questa curiosità, durante un’ incontro alla Magnum.

La mostra apre al pubblico il 21 ottobre e rimarrà fruibile fino al 25 febbraio 2018; sul sito della GAM tutte le informazioni su giorni e orari di apertura.

Il museo, inoltre, propone un’articolata offerta di visite guidate e itinerari, integrati all’esposizione fotografica, sia per gli adulti che per le scolaresche.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.