Alla GAM "Viaggio, racconto, memoria", in mostra i 50 anni di carriera di Ferdinando Scianna | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

fino al 28 luglio

Alla GAM “Viaggio, racconto, memoria”, in mostra i 50 anni di carriera di Ferdinando Scianna | FOTO

di
20 Febbraio 2019
© Ferdinando Scianna
© Ferdinando Scianna

Guarda le foto in alto 

Non sono più sicuro, una volta lo ero, che si possa migliorare il mondo con una fotografia. Rimango convinto, però, del fatto che le cattive fotografie lo peggiorano“: se lo dice lui, proprio Ferdinando Scianna, fotografo simbolo dell’Italia e nel mondo c’è da crederci. E di sicuro lui il mondo lo ha migliorato con la sua arte.

Si apre a Palermo, alla Galleria d’Arte Moderna (GAM), la mostra “Viaggio, racconto, memoria” con circa 200 dei suoi scatti più significativi, una rassegna che ne attraversa l’intera carriera e si sviluppa lungo un articolato percorso narrativo, costruito su diversi capitoli e varie modalità di allestimento.

Dagli inizi degli anni ’70 quando attingeva alla cultura e alle tradizioni della Sicilia, sua terra natale, in cinquant’anni di attività Scianna ha “fermato nel tempo” diverse tematiche: dalla guerra all’attualità, dalla religiosità popolare alle diverse parti del mondo.

Unico filo conduttore la costante ricerca di una forma nel caos della vita.

Fattosi conoscere presto nel mondo del professionismo ha iniziato anche a realizzare dei reportage entrando a far parte dell’agenzia foto giornalistica Magnum; ma è attraverso i paesaggi, le sue ossessioni tematiche come gli specchi, gli animali, le cose e infine i ritratti dei suoi grandi amici, maestri del mondo dell’arte e della cultura come Leonardo Sciascia, con cui mosse i primi passi, Henri Cartier-Bresson, Jorge Louis Borges, che Scianna ha lasciato un’impronta notevole.

La fotografia era la possibilità del racconto di una vicenda umana. Questo il mio maestro mi fece capire – dice Scianna a proposito di Sciascia – e mi introdusse ad una certa maniera di vedere le cose, di leggere, di pensare, di situarsi nei confronti del mondo“.

La mostra alla GAM, curata da Denis Curti, Paola Bergna e Alberto Bianda (art director), promossa dal Comune di Palermo – Assessorato Cultura, organizzata da Civita, presenta un percorso espositivo che permette di approfondire i contenuti dell’esposizione, incoraggiando la riflessione sulla portata iconica della fotografia di Ferdinando Scianna.

Dall’ingresso sul quale campeggia una citazione scelta dallo stesso Scianna (“Una antologia è una legittima strage, una carneficina vista con favore dalle autorità civili e religiose. Una pulita operazione di sbranare i libri che vanno per il mondo sotto il nome dell’autore per ricavarne uno stufato, un timballo, uno spezzatino…”) si articolano le sezioni: La memoria, Il racconto, Ossessioni, Il viaggio, Ritratti, Riti e Miti.

Civita Sicilia ha, oltresì, ideato un articolato progetto didattico rivolto sia alle scuole che ai gruppi di adulti e famiglie, che prevede i classici tour guidati, ma anche visite-esplorazione e laboratori didattici su prenotazione.

In un’audioguida (in italiano e in inglese), Scianna racconta in prima persona il suo modo di intendere la fotografia e non solo. Un racconto parallelo, per conoscere da vicino il suo percorso umano e di fotografo.

È inoltre fruibile un documentario dedicato alla vita professionale di Ferdinando Scianna.

L’esposizione rimarrà fruibile al pubblico fino al 28 luglio; ulteriori informazioni sul sito della GAM.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.