Alla spiaggia di Tusa l'ambita "Bandiera Blu" della Fondazione Educazione Ambientale :ilSicilia.it
Messina

per il quinto anno consecutivo

Alla spiaggia di Tusa l’ambita “Bandiera Blu” della Fondazione Educazione Ambientale

di
3 Maggio 2019

Tusa è da cinque anni Bandiera Blu. La prima volta è stata nel 2015: la Spiaggia Lampare ha ricevuto la prestigiosa Bandiera blu della Fee (Fondazione per l’Educazione Ambientale). Nel 2016 è arrivato il bis con un risultato addirittura migliore: in quell’occasione il vessillo è stato assegnato anche alla Spiaggia Marina. Ora Tusa si è guadagnata, per il quinto anno consecutivo, l’ambita Bandiera Blu delle Spiagge.

Anche nel 2019 la Commissione Internazionale che analizza e valuta i dati sulle caratteristiche ambientali delle città concorrenti ha decretato che Tusa è perfettamente in linea con i restrittivi requisiti ambientali che devono essere soddisfatti per poter issare l’ormai noto vessillo blu.

La FEE (Foundation for Enviromental Education), l’organizzazione internazionale che assegna la Bandiera Blu, non si limita a verificare l’assoluta qualità dell’acqua di balneazione, ma analizza anche molti altri dati di prestazione ambientale della città: qualità ed efficacia della raccolta differenziata dei rifiuti che ha raggiunto picchi del 70%; la capacità di depurazione dei reflui fognari; la presenza di aree pedonali e piste ciclabili; equilibrio tra attività turistiche e rispetto della natura.

Inoltre, per ottenere la Bandiera Blu è necessario assicurare servizi (salvataggio, servizi igienici, pulizia della spiaggia), iniziative di educazione ambientale rivolta a turisti, residenti e soprattutto ai giovani, nonché rendere maggiormente fruibilità la spiaggia anche da parte di persone disabili.

L’ottenimento della Bandiera Blu – dichiara il Consigliere Pasquale Serrutonon è un fatto estemporaneo, ma è il risultato di una politica ambientale attuata con razionalità e continuità. Solo così è possibile raggiungere e consolidare quei risultati di eccellenza che valorizzano il territorio e qualificano una città che apre le sue porte ad ospiti sempre più attenti a minimizzare l’impatto ambientale delle loro vacanze”.

Alla cerimonia di premiazione, svoltasi nella sede del Consiglio Nazionale delle Ricerche, hanno preso parte stamattina il sindaco di Tusa Luigi Miceli, insieme al Consigliere Comunale Pasquale Serruto.

“Castel di Tusa si conferma località turistica rinomata – ha dichiarato il sindaco di Tusae ringrazio la Giunta, il gruppo consiliare Alleanza per Tusa e i dipendenti comunali per l’impegno finalizzato al raggiungimento di questo importante riconoscimento, per il quinto anno consecutivo. Mare, natura, archeologica, arte, ruralità e cultura, compongo un’offerta turistica ampia e articolata, capace di attrarre presenze di qualità con ricadute favorevoli per l’intero comprensorio”.

“Siamo orgogliosi di avere confermato la Bandiera Blu anche per il 2019 – commenta l’Assessore al turismo, Angelo Tudisca -. Lavoreremo duramente su tutti i fronti legati alla sostenibilità ambientale e alla qualità dei servizi offerti all’utenza. Il litorale di Castel di Tusa è una risorsa fondamentale e – da anni – l’amministrazione investe per farlo diventare un vero e proprio fiore all’occhiello dell’intera area interna dei Nebrodi”.

“La bandiera blu rientra tra le priorità dell’Amministrazione che con la sua azione programmatica e politica consolida l’impegno profuso in questi anni nel rendere Tusa una meta turistica sempre più ambita ed accogliente. Negli ultimi anni molto è stato realizzato per la qualità delle acque di balneazione, per la sicurezza dei bagnanti ed, in particolare, per l’implementazione dei servizi in spiaggia”.

“La Bandiera Blu è un attestato che premia soprattutto l’impegno dei nostri cittadini e dei fruitori del nostro paese ormai proiettati verso una tutela ambientale per un paese più pulito e bello. Un risultato che conferma il lavoro svolto in questi anni dal consigliere Pasquale Serruto a cui rivolgo il mio personale ringraziamento”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin