Coronavirus a Palermo: positivo fugge dal San Paolo Palace, poi rientra da solo :ilSicilia.it
Palermo

INTERROGATORIO IN CORSO

Coronavirus a Palermo: positivo fugge dal San Paolo Palace, poi rientra da solo

di
1 Agosto 2020

Allarme coronavirus a Palermo.

Un egiziano, che faceva parte dei 33 migranti positivi al covid19 portati nel capoluogo siciliano, è riuscito ad eludere la sorveglianza ed ha lasciato il Covid Hotel San Paolo Palace.

L’uomo era stato infatti portato nella struttura di via Messina Marine a Palermo per effettuare la quarantena obbligatoria. Le ricerche del soggetto sono già in corso da parte  delle forze dell’ordine. La notizia è confermata dalla Prefettura.

I 33 migranti arrivati a Palermo ieri avevano subito inscenato una protesta chiedendo schede telefoniche per poter entrare in contatto con i loro familiari.

I soggetti in questione erano stati portati al San Paolo Palace da vari luoghi della Sicilia. I soggetti sono tutti sottoposti al regime di quarantena.

Si tratta di cinque migranti, affetti dal coronavirus e asintomatici, arrivati da Lampedusa attraverso l’aeroporto Falcone-Borsellino.

Mentre sono ventotto i positivi completamente asintomatici e in buone condizioni generali di salute che sono arrivati nella notte a Palermo, partiti da Porto Empedocle. I contagiati sono stati trasportati con le ambulanze speciali predisposte con filtri e particolari protezioni anti Covid19.

Aggiornamento delle 15.56 – L’uomo è rientrato in hotel

E’ rientrato da solo nell’hotel San Paolo Palace a Palermo il migrante positivo al covid che si era allontanato dalla struttura del San Paolo Palace. L’uomo era sottoposto al regime di quarantena obbligatoria.

A confermarlo è la prefettura di Palermo. L’uomo, un egiziano, è stato alcune ore in giro e ora sarà infine interrogato per appurare dove sia stato e se abbia incontrato qualcuno.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.