Allarme verde :ilSicilia.it

la riflessione

Allarme verde

di
13 Febbraio 2021

Ambiente ed energia.

Il binomio di moda.

Sotto le ali protettrici dell’entusiasmo mediatico e della demagogia politica si muovono grandi interessi e grandi pericoli.

La Sicilia rischia, in chiave di attualità, una nuova stagione di devastazione del suo paesaggio.

Mega progetti di “fattorie” del fotovoltaico, mega progetti di parchi eolici a terra, in mare e in cielo, nuove mega condotte di gas e grandi cavi di trasmissione di energia pronti a sfregiare  impunemente il già martoriato ambiente isolano per alimentare interessi non nostri.

Che ci è rimasto del grande progetto industriale del petrolchimico degli anni cinquanta e sessanta? Chilometri di coste devastati, sacche di disoccupazione e degrado urbano, periferie invivibili per disagio sociale e sanitario, nessun utile in termini di fiscalità o di riduzione dei costi energetici; abbiamo in poche parole svenduto parti tra le più belle del nostro territorio per ricavarne solo inconvenienti e nessun siciliano vantaggio.

Perché non dobbiamo fare tesoro di quella esperienza?

Che rimarrà ai nostri figli se dovessero andare in porto tutte le autorizzazioni che pressano oggi come non mai i tavoli di una politica sempre meno attrezzata e (volutamente?) distratta?

Migliaia di ettari di paesaggio coperti da pannelli fotovoltaici, colossali pale eoliche sparse sul territorio o emergenti dal mare con enormi basi di cemento e collegate tra loro da una fitta ragnatela di cavidotto, impressionanti colate di cemento in mare o megalitici ancoraggi devastatori dei fondali e della fauna marina.

Senza considerare i guasti già autorizzati di nuove trivellazioni in mare con le loro rovinose pratiche esplorative e con le loro risibili tariffe concessorie “statali”.

Tutto ciò spesso previsto sulla soglia di “zone protette”! Che beffa!

Chi ne trarrà vantaggio? pochi proprietari di terreni a vocazione agricola, grandi imprese tutte non certo siciliane, spregiudicati “traders” delle concessioni.

Non certo le famiglie e le imprese siciliane.

Dove sono i soloni  dell’ambientalismo di facciata, quelli che si spalmavano per protesta il volto di petrolio in Parlamento o che producevano in tutte le sedi innumerevoli proposte di legge contro il consumo del suolo?

Dove sono i “custodi” della bellezza e del paesaggio compilatori di piani paesaggistici, di vincoli e di regolamenti che ingessano le attività dei singoli cittadini, ma al cui controllo le potenti iniziative speculative di devastazione del paesaggio incredibilmente sfuggono?

Dove è finito il promesso piano energetico regionale? e l’obbligo per i comuni di redigere i piani energetici comunali con la disciplina dei suoli da impegnare per i nuovi impianti?

Tutto si muove con procedure “in deroga”, nel peggior stile delle peggiori vecchie lottizzazioni edilizie e con peggiori conseguenze future.

Facciamo appello al governo regionale perché si fermi a riflettere, blocchi tutto ciò che può bloccare e promuova l’installazione delle energie alternative solo nelle aree già urbanizzate, nella consapevolezza (chi non ci crede si documenti) che la superficie dei tetti di case e stabilimenti già esistenti e più che sufficiente a ospitare impianti capaci di produrre nuova energia pulita per un fabbisogno doppio di quanto i Siciliani possano richiedere, anche di un possibile aumento della domanda energetica in vista di un auspicabile nuovo sviluppo economico.

Il paesaggio, il mare, e quindi l’agricoltura, la pesca, il turismo sono beni patrimoniali e  produttivi e culturali delle future generazioni che non possiamo oggi barattare con scampoli di illusioni.

Trionfa in Italia e certamente in Sicilia l’incapacità di progettare un vero futuro “ambientale” o, a pensar male, l’ipocrisia di un facile ambientalismo nominale di facciata, (quello delle emissioni zero o delle energie alternative a tutti i costi, senza sapere di cosa stiamo parlando) utile sgabello di grandi interessi non collettivi.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.