All'Ars arrivano i debiti fuori bilancio per 5 milioni: 800 mila sono di mora con Trenitalia :ilSicilia.it

la commissione bilancio vuole vederci chiaro

All’Ars arrivano i debiti fuori bilancio per 5 milioni: 800 mila sono di mora con Trenitalia

di
30 Luglio 2020

Il disegno di legge arriva alla seconda commissione in Ars in merito “ai debiti fuori bilancio e successive modifiche”. Le spese riguardano l’anno del 2018, sino a marzo 2019.

Ai sensi dell’articolo 73, comma 1 del decreto legislativo del 23 giugno 2011, l’Assemblea regionale Siciliana riconosce con legge le legittimità dei debiti fuori bilancio derivanti dai casi espressamente elencati nel medesimo articolo di seguito riportato…” è la dicitura standard del documento che introduce i vari debiti fuori bilancio.

La legittimità dei debiti fuori bilancio viene certificata quando questi derivino da: “sentenze esecutive, copertura dei disavanzi di enti, società ed organismi controllati, o, comunque, dipendenti dalla Regione purché il disavanzo derivi da fatti di gestione., ricapitalizzazione nei limiti e nelle forme previste dal codice civile o da norme speciali, delle società …procedure espropiative o di occupazione d’irgenza per opere di pubblica utilità; acquisizione di beni e servizi in assenza del preventivo impegno di spesa”.Gaetano Armao

Nel ddl che contiene i debiti fuori bilancio riconosciuti dalla Regione (per un totale di circa 5 milioni di euro), proposto dall’assessore al Bilancio Gaetano Armano, contiene un capitolato di spesa che ha fatto drizzare i capelli ai deputati che fanno parte della seconda commissione: si tratta di circa 800mila euro di interessi di mora per i quali il dipartimento dei trasporti è debitore verso Trenitalia. Si legge nella nota: “Interessi moratori al 31 marzo 2013 per tardato pagamento fatture contratto di servizio 2017/2026 a causa di riduzione dotazione finanziaria Iva”.

Qualche giorno fa non c’era il numero legale per l’eventuale approvazione per questi debiti fuori bilancio e inoltre non avevamo dati che spiegassero in maniera esaustiva perché si fosse arrivati ad una somma così ingente nei confronti di Trenitalia. I presenti hanno chiesto una relazione esaustiva prima di dare un parere. Per poter approvare una cosa del genere deve essere chiaro che non ci siano responsabilità riconducibili ad alcuno e che sono debiti fuori bilancio non causati da negligenza”, afferma a IlSicilia.it il deputato di Attiva Sicilia Sergio Tancredi.

Al momento non è stato possibile ricevere alcuna risposta da parte del dipartimento alla Mobilità e Trasporti.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.