All'Ars Forza Italia perde pezzi, anche Rossana Cannata verso FdI :ilSicilia.it

Rumors di palazzo e cambi di casacca

All’Ars Forza Italia perde pezzi, anche Rossana Cannata verso FdI

di
9 Luglio 2019

Rossana Cannata, deputata regionale di Forza Italia  aderisce a Fratelli d’Italia. Una voce che da tempo aleggia a Palazzo dei Normanni, ma che in queste ore è diventata ufficiale. Il fratello Luca, attuale sindaco di Avola, alle scorse elezioni europee è stato inserito nella lista di Fdi nel collegio di Sicilia e Sardegna, riportando un risultato particolarmente apprezzabile.

Con l’ingresso nel partito di Giorgia Meloni, si consuma così un divorzio politico iniziato da tempo, dopo che alle regionali del 2017 il sindaco aveva contribuito alla ripresa del partito azzurro, sostenendo l’elezione della sorella.

Diamo il benvenuto a Rossana e Luca Cannata che con tanti amministratori aderiscono al progetto politico di Giorgia Meloni“. Afferma il neo assessore regionale di Fdi, Manlio Messina.

Secondo alcune versioni, sarebbero divenute nel tempo insuperabili le divergenze con Stefania Prestigiacomo. Ma non è solo questo il motivo per cui l’avvocatessa si è diretta verso Fdi. Sembrerebbe che il sindaco di Catania, Salvo Pogliese, che giovedì prossimo ufficializzerà anche lui l’ingresso nel partito della Meloni, attraverso i propri consigli politici abbia accelerato il cambio di casacca della parlamentare regionale.

E così, Rossana Cannata è l’ennesima pedina persa dallo scacchiere di Gianfranco Miccichè e del suo gruppo parlamentare, dopo che Luigi Genovese ha costituito all’Ars ‘Ora Sicilia’.

Da oggi la mia attività di deputato regionale proseguirà con Fratelli d’italia,  a difesa degli stessi valori che mi hanno ispirato in questo anno e mezzo, con la coerenza che mi ha contraddistinto, a fianco degli stessi gruppi e sostenitori con cui ho portato avanti iniziative e progetti”.  Afferma Rossana Cannata. “Lascio Forza Italia con rammarico ma, con altrettanta decisa e ferma convinzione, aderisco al gruppo di fratelli d’Italia per intraprendere un percorso politico di rinnovamento e di visioni strategiche rivolte ad una classe dirigente che guarda al merito e al territorio. Non condivido più il modus operandi di Forza Italia : per me politica significa scommettersi e dare un contributo fattivo e concreto alla crescita della nostra terra, nel rispetto delle idee e della volontà dei cittadini ed elettori, che si concretizza nella gestione democratica del partito. Ringrazio Gianfranco Miccichè, per l’esperienza con lui maturata e la lealtà nei rapporti amicali, e i colleghi deputati del gruppo di Forza Italia, di cui ho massima stima e con i quali continuerò a collaborare in aula per il bene dei siciliani. Una decisione concordata con Giorgia Meloni, leader capace e carismatica, con la quale ho parlato della necessità di riscontrare le esigenze di cambiamento esternate dagli italiani e in particolar modo dai siciliani, nella condivisione del programma di governo portato avanti dal presidente Musumeci” .

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti