All'Ars Forza Italia perde pezzi, anche Rossana Cannata verso FdI :ilSicilia.it

Rumors di palazzo e cambi di casacca

All’Ars Forza Italia perde pezzi, anche Rossana Cannata verso FdI

di
9 Luglio 2019

Rossana Cannata, deputata regionale di Forza Italia  aderisce a Fratelli d’Italia. Una voce che da tempo aleggia a Palazzo dei Normanni, ma che in queste ore è diventata ufficiale. Il fratello Luca, attuale sindaco di Avola, alle scorse elezioni europee è stato inserito nella lista di Fdi nel collegio di Sicilia e Sardegna, riportando un risultato particolarmente apprezzabile.

Con l’ingresso nel partito di Giorgia Meloni, si consuma così un divorzio politico iniziato da tempo, dopo che alle regionali del 2017 il sindaco aveva contribuito alla ripresa del partito azzurro, sostenendo l’elezione della sorella.

Diamo il benvenuto a Rossana e Luca Cannata che con tanti amministratori aderiscono al progetto politico di Giorgia Meloni“. Afferma il neo assessore regionale di Fdi, Manlio Messina.

Secondo alcune versioni, sarebbero divenute nel tempo insuperabili le divergenze con Stefania Prestigiacomo. Ma non è solo questo il motivo per cui l’avvocatessa si è diretta verso Fdi. Sembrerebbe che il sindaco di Catania, Salvo Pogliese, che giovedì prossimo ufficializzerà anche lui l’ingresso nel partito della Meloni, attraverso i propri consigli politici abbia accelerato il cambio di casacca della parlamentare regionale.

E così, Rossana Cannata è l’ennesima pedina persa dallo scacchiere di Gianfranco Miccichè e del suo gruppo parlamentare, dopo che Luigi Genovese ha costituito all’Ars ‘Ora Sicilia’.

Da oggi la mia attività di deputato regionale proseguirà con Fratelli d’italia,  a difesa degli stessi valori che mi hanno ispirato in questo anno e mezzo, con la coerenza che mi ha contraddistinto, a fianco degli stessi gruppi e sostenitori con cui ho portato avanti iniziative e progetti”.  Afferma Rossana Cannata. “Lascio Forza Italia con rammarico ma, con altrettanta decisa e ferma convinzione, aderisco al gruppo di fratelli d’Italia per intraprendere un percorso politico di rinnovamento e di visioni strategiche rivolte ad una classe dirigente che guarda al merito e al territorio. Non condivido più il modus operandi di Forza Italia : per me politica significa scommettersi e dare un contributo fattivo e concreto alla crescita della nostra terra, nel rispetto delle idee e della volontà dei cittadini ed elettori, che si concretizza nella gestione democratica del partito. Ringrazio Gianfranco Miccichè, per l’esperienza con lui maturata e la lealtà nei rapporti amicali, e i colleghi deputati del gruppo di Forza Italia, di cui ho massima stima e con i quali continuerò a collaborare in aula per il bene dei siciliani. Una decisione concordata con Giorgia Meloni, leader capace e carismatica, con la quale ho parlato della necessità di riscontrare le esigenze di cambiamento esternate dagli italiani e in particolar modo dai siciliani, nella condivisione del programma di governo portato avanti dal presidente Musumeci” .

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.