21 gennaio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.12
caronte manchette
caronte manchette

La riunione a Palazzo dei Normanni

All’Ars il Piano energetico ambientale. Pierobon: “Puntare su correnti marine e autoproduzione” | video intervista

12 dicembre 2018

Guarda la video intervista in alto

Riunione in pompa magna per la Commissione Attività Produttive, a Palazzo dei Normanni, dove la commissione Attività produttive dell’Ars ha discusso il nuovo Piano energetico ambientale della Regione Siciliana (Pears). Alla convocazione hanno preso parte anche diversi amministratori degli enti locali siciliani, oltre ad esperti del settore e imprenditori delle rinnovabili.

Alla riunione ha partecipato anche l’assessore regionale all’Energia e ai rifiuti Alberto Pierobon, che ha indicato la strada da seguire sul piano energetico: “Ci sarà una spinta su eolico e fotovoltaico, in maniera intelligente – ha detto Pierobon – Ma io guardo soprattutto alle innovazioni nel campo dell’energia, alle correnti marine, per esempio. Sto pensando anche alle isole come forma di autoproduzione di energia e a tante altre formule tecnologiche molto innovative“. Un ruolo importante lo svolgeranno gli enti locali: “I comuni dovranno mettere a disposizione i territori , energie e volontà“, ha affermato l’assessore Pierobon, che ha sottolineato, però, sottolineato come sarà necessario semplificare le procedure burocratiche per poter realizzare i progetti.

La riunione è stata promossa da Giovanni Cafeo, Segretario della commissione Attività produttive. “Un incontro ricco di contenuti su un tema, quello dello sviluppo energetico in Sicilia, di assoluto interesse”, ha affermato Cafeo. “Hanno partecipato amministratori locali, esperti, tecnici, docenti universitari, dirigenti dell’assessorato all’Energia e rappresentanti delle principali società che operano nel campo energetico e del fotovoltaico. Dal confronto – ha affermato Cafeo – sono emerse indicazioni e contributi utili sull’attuale bozza del Pears, prima della sua stesura finale”.

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

Mafia, ladruncoli, o collezionisti seriali?

Quando si sente parlare di opere trafugate, molto spesso si pensa ad un gesto occasionale, magari a cura di balordi o inconsapevoli ladruncoli, che con poca esperienza arraffano alla meglio quello che capita sotto mano.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.