All'Ars va in scena lo scontro in Forza Italia, attacco di Milazzo ad Armao :ilSicilia.it

volano scintille durante il dibattito in Aula

All’Ars va in scena lo scontro in Forza Italia, attacco di Milazzo ad Armao

di
19 Giugno 2019

Una Sala D’Ercole di fuoco si accinge ad essere quella di oggi durante il dibattito all’Ars, tra i vari esponenti politici dei gruppi parlamentari. Come temi del giorno al di là della questione morale, già ampiamente discussa la scorsa settimana, si parla delle varie trattative fra lo Stato e la Regione in materia finanziaria, ma anche di ex-Province.

Proprio sulla ‘trattativa’ a seguito dell’intervento del vicepresidente della Regione, Gaetano Armao, attraverso una sua relazione, non sono mancate le polemiche da parte del deputato regionale di Forza Italia, Giuseppe Milazzo: Questa relazione è fantascienza, il risultato è fallimentare. Se ci fosse stata la sfiducia lei non avrebbe  avuto copertura politica: il mio giudizio è su di lei e non sul  governo. La Sicilia – prosegue Milazzo – è stata penalizzata dagli accordi con lo Stato. Se sulle ex Province siciliane alla Camera è passato un emendamento lo si deve a un collega parlamentare dei 5 Stelle e non di certo al ministro che non ha fatto nulla. Siete stati in grado di dare vantaggio politico ai 5 Stelle che qui da noi sono all’opposizione”.

Parole di fuoco che evidenziano una dura resa dei conti all’interno dei berlusconiani siciliani, che all’indomani delle elezioni suona un po’ come una sorta di riscossa dell’area che fa capo al presidente Ars Miccichè.

armaoNel corso del dibattito all’Ars, l’assessore regionale all’economia, Armao, si è soffermato anche sulla gestione del disavanzo della Regione: 1,59 miliardi sono già stati spalmati in trent’anni, i restanti 546 milioni in tre anni: di questi 181 milioni potrebbero essere ripianati in 4 anni secondo quanto prevede un emendamento del governo al ‘collegato‘.

Armao ha assicurato che le spese “congelate” nell’ultimo bilancio saranno sbloccate in gran parte subito e 36 milioni in sede di assestamento. Non si esula di rispondere alle accuse di Milazzo. “Nessuna iniziativa è stata presa da me personalmente, le decisioni sono state assunte dalla giunta intera. Ho sempre esposto le evoluzioni degli accordi alla giunta e il lavoro portato avanti è stato collegiale”.

Una maggioranza al capolinea per l’opposizione: stando almeno a quanto affermano i parlamentari del movimento 5 stelle e del Partito democratico. “Si apre formalmente la crisi di governo. Doveva essere un dibattito sull’accordo finanziario fra Stato e Regione, si è trasformato in un ‘tutti contro tutti’ dentro quella che ormai è l’ex maggioranza di governo. il presidente Musumeci ne prenda atto: il suo governo è al capolinea e – quel che e’ peggio – la sua coalizione sta riversando sui conti pubblici della Regione tensioni che sono tutte politiche”. Dichiara in Aula il capogruppo del PD, Giuseppe Lupo.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.