Allattamento materno, il piano regionale entra nel vivo | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Agrigento

L'appuntamento è ad Agrigento

Allattamento materno, il piano regionale entra nel vivo

11 Dicembre 2017

Promozione e sostegno dell’allattamento materno. Sarà questo il tema al centro del workshop che si terrà lunedì 11 dicembre, dalle 9 alle 19, all’Hotel Dioscuri Bay Palace di Agrigento, organizzato dal Dipartimento per le Attività sanitarie dell’assessorato alla Salute della Regione Siciliana. L’evento rientra nelle attività del programma regionale di prevenzione, azione e promozione dell’allattamento al seno, approvato lo scorso marzo, con un decreto dell’assessoratoregionale alla Salute.

L’obiettivo generale del programma regionale è aumentare la prevalenza di bambini allattati al seno in modo esclusivo sino al sesto mese di vita (180 giorni), mentre, nello specifico, lo scopo è tracciare il programma delle azioni che devono essere condotte dalle Asp in maniera omogenea in tutta l’Isola e volte a favorire e mantenere l’allattamento al seno. Nel corso del workshop, rivolto agli operatori del settore, sia nel pubblico che nel privato, esperti provenienti da tutta la Sicilia organizzati in otto gruppi di lavoro, si confronteranno sull’applicazione pratica del programma regionale nelle aziende sanitarie siciliane. Si parlerà, tra l’altro, di formazione degli operatori, autovalutazione delle strutture, applicazione del codice internazionale per la commercializzazione dei sostituti del latte materno, percorsi assistenziali, counseling con le mamme e comunicazione.

È prevista la partecipazione del dirigente generale del Dipartimento per le Attività sanitarie e Osservatorio epidemiologico, Salvatore Giglione, del commissario dell’Asp di Agrigento, Gervasio Venuti, e del coordinatore del piano regionale della prevenzione, Salvatore Requirez. “Il workshop – spiega Requirez – è pensato come uno strumento di verifica e coordinamento delle principaliazioni volte ad applicare e sostenere il programma di regionale di allattamento al seno in tutto il territorio siciliano. Si affronteranno i diversi aspetti legati alla messa regime del sistema di avviamento e promozione, mirando essenzialmente all’adozione di un modello unico quanto più possibile omogeneo da inserire nelle diverse realtà organizzative in atto esistenti nelle aziende sanitarie dell’Isola, in linea con le indicazioni ministeriali e con le direttive internazionali provenienti dall’Unicef e dall’Organizzazione mondiale della sanità”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona