16 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.48

Già in atto la conta dei danni

Allerta maltempo, Musumeci : “Roma riconosca lo stato di calamità in Sicilia”

2 Novembre 2018

“La Protezione civile è in giro per verificare l’entità dei danni, abbiamo già chiesto lo stato di calamità per alcune aree. Speriamo che gli interventi da Roma arrivino”. Lo ha dichiarato il governatore della Sicilia, Nello Musumeci, ai microfoni di Radio 1, intervenendo in merito all’ondata di maltempo che ha colpito la regione.

“In questo momento – ha aggiunto – tutta la Sicilia è sotto pressione, viviamo in una condizione di comprensibile ansia”. Il ragusano è stato particolarmente colpito e questa situazione di estremo disagio appare evidente perchè in quella provincia si registra il maggior numero di aziende agricole, prevalentemente serre e vivai”.

“Purtroppo la conta dei danni è ancora in corso”, ha sottolineato Musumeci, ricordando che nei giorni scorsi erano state colpite le province di Catania, Siracusa ed Enna.

“E’ una situazione drammatica perchè da anni non si fa manutenzione. Ho scoperto che in passato erano anche state date delle disposizioni con risorse finanziarie ma gli uffici non hanno dato seguito agli atti formali e nessuno si è preoccupato di accertare le responsabilità delle gravi omissioni degli uffici”.

 

Leggi anche:

Maltempo, trombe d’aria sulla Sicilia. Danni e tensione tra la popolazione

Ondata di maltempo in Sicilia: la Protezione Civile dirama l’allerta rossa

Emergenza maltempo, allerta arancione e disagi in Sicilia: strade come torrenti

Nubifragi e allagamenti nell’Agrigentino. Fiumi di acqua e fango a Sciacca | Il video

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.