Alluvione a Palermo, la denuncia di Confapi: "Serve presa di responsabilità dell'amministrazione" :ilSicilia.it
Palermo

LE PAROLE DI DHEBORA MIRABELLI

Alluvione a Palermo, la denuncia di Confapi: “Serve presa di responsabilità dell’amministrazione”

di
16 Luglio 2020

Le piogge torrenziali che hanno interessato ieri la città di Palermo hanno creato danni non solo alla viabilità e a centinaia di auto, ma anche e soprattutto a palazzi ed attività commerciali.

A denunciare la situazione di disagio di molti negozi e punti vendita è la Confapi, per bocca della propria presidente Dhebora Mirabelli.

Ieri, come abbiamo vissuto, visto e letto sui giornali, la città è stata messa in ginocchio dalla prima alluvione estiva, con lei i cittadini che oggi fanno fatica ad accettare anche i morti e i feriti dovuti agli eventi atmosferici. Non abbiamo fatto in tempo a ritenerci fortunati rispetto i nostri amici del Nord per il contenimento dell’emergenza sanitaria Covid-19 che piangiamo oggi morti e ulteriori danni economici a diverse attività a causa di scarsissima amministrazione ordinaria e l’assente manutenzione delle strade e del sistema fognario“.

Ricevo video di imprenditori palermitani alle prese con gli ingenti danni da allagamento da ieri pomeriggio e con loro ragiono su soluzioni e interventi al fine di evitare che prevalga sconforto e disperazione per l’ennesima prova di coraggio che ci viene richiesta – sottolinea la Mirabelli -. Fatto ciò, non posso tacere e nascondere la rabbia per l’accaduto evitabile con l’ordinaria diligenza del buon padre di famiglia. Molti associati mi riferiscono a voce alta che il tombino si è trasformato in una tomba!

L’acqua usciva anche e soprattutto dalle caditoie intasate. Il problema è il cattivo stato del sistema fognario della città di Palermo: una piaga da oltre un decennio“.

Richiedo e rivendico una presa di responsabilità da parte dell’amministrazione locale sui fatti gravi accaduti che sommati alla crisi che ci sta colpendo da mesi diventano negligenze gravi e inaccettabili. I governatori locali devono iniziare a trattare la città come la loro impresa se vogliono garantire il futuro ai loro figli in Sicilia. Siamo stanchi dell’ipocrisia e degli annunci sulla bella e florida nostra Regione fatti da chi dimostra ogni giorno di boicottare la sua ripresa e rinascita“.

Confapi Sicilia ancora una volta, anche su questo tema, si rende disponibile al confronto e al dialogo per migliorare le cose e scongiurare altri eventi simili a danno del tessuto economico e imprenditoriale siciliano. I nostri diligenti imprenditori sono disposti ad affiancare gli amministratori per condividere soluzioni”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.