Alluvione a Palermo, Orlando chiede lo stato di calamità naturale :ilSicilia.it
Palermo

INCONTRO FRA GIAMBRONE E LE PARTECIPATE

Alluvione a Palermo, Orlando chiede lo stato di calamità naturale

di
16 Luglio 2020

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, in sede di unità di crisi in Prefettura, ha comunicato di avere fatto richiesta dello stato di calamità naturale. Tutto ciò “anche al fine di attivare strumenti veloci e snelli per il risarcimento dei danni ai privati e per affrontare l’emergenza“.

Il primo cittadino ha preannunciato la richiesta ai ministri dell’Ambiente e del Mezzogiorno, con i quali ha avuto stamattina due distinti colloqui.

Il sindaco ha disposto che sia attivato un indirizzo email cui i cittadini che hanno subito danni possano segnalare tali danni. Tale strumento, spiega l’amministrazione, serve “per la compilazione di un dossier a supporto della richiesta dello stato di calamità”. L’indirizzo e le modalità di utilizzo saranno comunicati da domani.

GIAMBRONE STABILISCE PIANO D’AZIONE CON LE PARTECIPATE

In contemporanea, si è svolta a Palazzo delle Aquile una riunione coordinata dal Vicesindaco Fabio Giambrone con diversi uffici comunali e con le Aziende partecipate.

Nello specifico è stato deciso che Amat curerà, in collaborazione con la Polizia Municipale, la rimozione gratuita delle auto danneggiate dal maltempo. Le richieste, che saranno evase in ordine cronologico, andranno inviate all’email crto@comune.palermo.it con oggetto “Alluvione 15 luglio. Rimozione auto”.

Ai cittadini che stanno ricorrendo ad operatori privati per la rimozione delle auto, l’amministrazione invita a farsi rilasciare regolare fattura. Tutto ciò per avere diritto a possibili risarcimenti.

Mezzi e squadre di AMAP e RAP, anche in collaborazione con l’esercito, proseguiranno il lavoro già avviato, in raccordo con i Vigili del Fuoco, per supportare le operazioni di rimozione del fango e riparazione delle strade. Gli uomini della partecipata attendono l’autorizzazione dai Vigili del Fuoco per poter accedere ai locali tecnici dei sottopassaggi allagati per la verifica dello stato degli impianti.

Su un altro fronte, AMG procederà ad una urgente verifica della sicurezza degli impianti di illuminazione delle aree colpite, provvedendo alle necessarie urgenti riparazioni e comunque all’eliminazione delle situazioni di pericolo. Le squadre di Reset e settore Verde verificheranno lo stato di sicurezza degli alberi.

Coime infine metterà a disposizione di tutti gli uffici e delle aziende il proprio personale e mezzi per ogni intervento necessario ed urgente. L’area dei servizi sociali proseguirà con ogni necessaria forma di assistenza alle famiglie (attualmente 11, per un totale di 28 persone, ospitate in strutture alberghiere a carico del Comune) le cui abitazioni non sono al momento utilizzabili per i danni subiti.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin