Alluvione di Messina, il governo regionale ha deciso per lo stato di calamità :ilSicilia.it

Delibera nella prossima riunione di giunta

Alluvione di Messina, il governo regionale ha deciso per lo stato di calamità

di
12 Agosto 2020

“Il governo regionale, nella seduta della Giunta gia’ programmata per domattina, deliberera’ lo stato di calamita’ per i danni causati, nei giorni scorsi, dall alluvione nel Messinese e contestualmente avanzera’ al governo nazionale la richiesta dello stato di emergenza”. Lo ha comunicato il presidente della Regione Nello Musumeci, aprendo il vertice organizzato a Palazzo Orleans con i sindaci dei cinque Comuni maggiormente colpiti dal nubifragio di sabato scorso: Messina, Barcellona Pozzo di Gotto, Terme Vigliatore, Rodi’ Milici e Castroreale. “Quello della provincia di Messina – ha sottolineato il governatore – e’ un territorio fortemente danneggiato, a causa anche dell’abusivismo selvaggio e della mancata manutenzione. Il mio governo, consapevole di questo, ha destinato il 60 per cento delle risorse della Struttura contro il dissesto idrogeologico a questa provincia. Non e’ la prima volta che si contano i danni in quelle realta’ e non sara’ l’ultima se non lavoreremo fin da subito per eliminare alcune cause, legate anche alla mancata pianificazione del territorio e a una disordinata crescita urbanistica”. Per coordinare gli interventi, il presidente ha disposto la creazione di un Tavolo operativo tecnico che sara’ intanto diretto dal capo del Genio civile di Messina e composto dai rappresentanti degli enti regionali preposti alla materia e dei Comuni. Musumeci ha dato incarico sempre al Genio civile peloritano di redigere i progetti di sistemazione che riguardano i Torrenti Longano, Patri’ e Mazzarra’ (per la parte non compresa nel cantiere gia’ in corso) che attraversano numerosi Comuni dell’hinterland barcellonese e di accelerare le procedure che vedono opere gia’ finanziate. Dal vertice e’ emerso che, da una prima disamina, servira’ circa un centinaio di milioni di euro per gli interventi da realizzare. “Contestualmente alla richiesta dello stato di emergenza a Roma – aggiunge il presidente – applicheremo per la prima volta l’articolo 3 della legge regionale 13 di quest’anno, che prevede l’autonoma nomina di un commissario per lo stato di crisi e di emergenza regionale. Per le risorse necessarie occorre una riprogrammazione dei fondi comunitari, che avvieremo con la massima urgenza, ricorrendo, se necessario, a un apposito intervento parlamentare”.

© Riproduzione Riservata
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.