Alluvione in Sicilia Orientale, Falcone: "Nessuno sarà lasciato solo" :ilSicilia.it
Catania

comunità locali in ginocchio

Alluvione in Sicilia Orientale, Falcone: “Nessuno rimarrà da solo”

di
20 Ottobre 2018

Su mandato del presidente Musumeci, l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone si è recato in ricognizione nei paesi colpiti dall’alluvione della scorsa notte. Già ieri in mattinata i tecnici dell’assessorato avevano compiuto dei sopralluoghi a Scordia, Lentini, Militello. Anche le unità della Protezione civile regionale si sono recate a Palagonia, Mineo e Ramacca.

L’assessore ha fatto visita ai centri di Palagonia e Ramacca, accompagnato dagli amministratori locali, per una prima verifica sul campo dei danni dovuti al grave nubifragio e per concordare i primi interventi a sostegno delle comunità.

È già allo studio del governo Musumeci la dichiarazione dello stato di emergenza ma anche, per dare sostegno al comparto agricolo, dello stato di calamità. Le comunità locali sono state infatti messe in ginocchio da precipitazioni record. 

«Nella Giunta di governo di ieri abbiamo affrontato il problema, i nostri uffici stanno procedendo a una ricognizione dei danni a infrastrutture, mezzi, immobili privati, attività produttive. In questo momento – spiega l’assessore Falcone – i Comuni sono impegnati nelle prime attività di ripristino delle condizioni di normalità. Per quanto ci riguarda non trascureremo nulla, ma metteremo in campo ogni utile azione, anche col Governo nazionale, per dare attuazione a tutti gli interventi necessari. L’obiettivo del Governo Musumeci è di non lasciare nessuno da solo». 

 

Coldiretti: in Sicilia incuria gestione territorio

“Va bene la pioggia ma certamente la causa principale di quanto è successo in Sicilia è l’incuria nella gestione del territorio”. Lo afferma il presidente regionale Coldiretti, Francesco Ferreri, all’indomani della devastazione di agrumi, ortaggi, seminativi, strutture causate dallo straripamento del fiume San Leonardo e delle precipitazioni.

Catania 19/10/18 - MALTEMPO NEL CATANESE allagamenti

“Ancora è presto per una stima – sottolinea – ma basti pensare anche agli investimenti necessari per rimettere in campo i nuovi impianti spazzati via dalla forza dell’acqua per comprenderne l’entità. Il dissesto idrogeologico è una tragedia sotto gli occhi di tutti che deve essere aggredita subito, prima che altri fenomeni atmosferici danneggino ancora di più il territorio. Molte aziende di Catania e Siracusa sono in ginocchioaggiunge Francesco Ferreri c’è chi ha perduto anche il 100% della produzione chi fa i conti con i danni strutturali che si presenteranno tra qualche tempo.

Il punto è che tutto questo avviene perché non c’è manutenzione e regna un clima di totale confusione. In alcune parti da oltre mezzo secolo non vengono sistemati gli argini, ci sono aziende che non possono essere raggiunte se non con mezzi adeguati e tutto questo mentre il cambiamenti climatici sono ormai una priorità assoluta. Evidentemente – osserva – i Consorzi di Bonifica non sono in grado di gestire una situazione così complessa e per questo vanno subito adottate delle strategie di tutela che possano ripristinare la sicurezza. Siamo passati da anni di siccità – conclude il presidente Ferreri – a piogge eccessive ma quanta acqua riusciamo a recuperare e trattenere? Niente. Anzi, senza strutture di canalizzazione adeguate si perde tutta. E questo è davvero insostenibile”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin