Almaviva, Orlando: "Il Comune di Palermo al fianco dei lavoratori" | CLICCA PER LE FOTO :ilSicilia.it
Palermo

la dichiarazione

Almaviva, Orlando: “Il Comune di Palermo al fianco dei lavoratori” | CLICCA PER LE FOTO

di
23 Settembre 2021

GUARDA LE FOTO IN ALTO

Il sindaco Leoluca Orlando e l’assessora al Lavoro Giovanna Marano hanno partecipato stamani, in piazza Ruggiero Settimo, davanti al Politeama di Palermo, alla manifestazione dei lavoratori Almaviva organizzata dai sindacati Cgil, Cisl e Uil a tutela dei livelli occupazionali.

Leoluca Orlando

“Ancora una volta – ha dichiarato il sindaco – l’amministrazione comunale e’ al fianco di centinaia di lavoratori per seguire una vertenza che costituisce un imminente pericolo non solo per la citta’ ma per un intero settore. Siamo di fronte ad un comportamento irresponsabile. Perche’ se passa il principio che si puo’ andare in deroga alla clausola sociale dei lavoratori persino per aziende a capitale pubblico, ogni privato si sentira’ legittimato a lasciare a casa migliaia di lavoratori. Rischia di essere una beffa clamorosa per l’intervento pubblico nell’economia. Il governo non puo’ coprirsi il volto con questa maschera di vergogna. Per questo abbiamo chiesto al ministero un nuovo tavolo giorno 27. Siete voi – ha detto rivolgendosi ai lavoratori presenti – la vera forza in questa lotta per l’affermazione dei diritti”.

“Quella di oggi – ha sottolineato Marano – e’ stata una risposta forte in difesa della buona occupazione e di un servizio di qualita’ fornito da 560 lavoratrici e lavoratori palermitani. Non c’e’ dubbio che Ita stia nevroticamente tentando di abbattere i costi ed e’ grave che una azienda il cui unico azionista e’ lo Stato non prenda in carico tutti i lavoratori di Alitalia, abolisca il loro contratto ccnl di riferimento al pari di un’azienda pirata e decida di tagliare l’occupazione nei servizi di supporto alla clientela, trincea fondamentale per un’azienda di servizio. La partita non e’ e non puo’ essere ritenuta chiusa e l’amministrazione comunale, nel solco del lavoro di questi anni, continuera’ a presidiare una vertenza che riguarda in primo luogo Palermo”.

E’ paradossale che un’azienda interamente pubblica col consenso del governo non applichi la clausola sociale valida per tutte le aziende operanti nel settore. Con un’altrettanto paradossale conseguenza che qualcuno potrebbe obiettare. E cioè che si configuri una censura a livello europeo per violazione del principio di concorrenza”, ha sottolineato Leoluca Orlando.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin