Almaviva Palermo: ancora ammortizzatori ed esodi, i dettagli dell'accordo :ilSicilia.it
Palermo

Gli esuberi sono 935

Almaviva Palermo: ancora ammortizzatori ed esodi, i dettagli dell’accordo

di
14 Marzo 2019

Ancora un nuovo accordo al ribasso per il call center Almaviva di Palermo. La costante riduzione delle tariffe riconosciute dai committenti e la progressiva contrazione dei volumi di traffico ha spinto l’azienda a presentarsi ieri nell’incontro con un nuovo accordo, che è stato sottoscritto dai sindacati. Il terzo nel giro di due anni. Si tratta dell’ennesimo colpo subito dai circa 2.800 dipendenti che lavorano nel capoluogo siciliano. Di questi, secondo i dati forniti dalla società, 935 sono in esubero.

“Il repentino cambio di scenario e l’assordante silenzio delle istituzioni ci obbliga a misure difensive al fine di garantire la continuità occupazionale del sito palermitano di Almaviva e riportare al centro dell’agenda politica del paese le problematiche del settore dei call center – hanno scritto in una nota unitaria le segreterie provinciali e le Rsu di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil e Uglinvestito da pesanti ricadute tecnologiche e da una carenza di regole che fino ad oggi non hanno saputo garantire un rapporto corretto tra committenti, outsourcers e processi di delocalizzazione”. Al momento, infatti, sul sito di Palermo si registra la proroga di quattro mesi della commessa Alitalia, sul cui futuro non vi sono ancora certezze, mentre continuano a calare la mole di lavoro delle commesse Wind e Tim 119.

Tre i punti cardine dell’intesa: il ricorso agli ammortizzatori sociali, gli esodi incentivati e la riqualificazione del personale. Il primo si basa sulla riduzione dell’orario di lavoro al 35% per tutti i dipendenti, sia a tempo pieno che parziale, e si articola nella misura dell’assegno di solidarietà, riconosciuto dal 20 marzo al 16 aprile, e nella cassa integrazione in deroga, riconosciuta dal 20 aprile al 30 giugno. Ai secondi i lavoratori potranno accedere nella finestra tra il 16 e il 20 aprile. A coloro che ne fanno richiesta viene corrisposto il pagamento immediato all’uscita del mancato preavviso più due mensilità, oltre 500 euro della conciliazione, oppure in alternativa un importo pari a 10.000/15.000/20.000 euro. Quest’ultimi dipendono dal profilo orario e vengono corrisposti nell’arco di 24 mesi in tre rate. Il terzo punto consiste nell’attivazione di due Aule pilota di formazione con 30 lavoratori per conseguire le certificazioni Cisco, Java e Oracle.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.