10 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.23
Palermo

Gli esuberi sono 935

Almaviva Palermo: ancora ammortizzatori ed esodi, i dettagli dell’accordo

14 Marzo 2019

Ancora un nuovo accordo al ribasso per il call center Almaviva di Palermo. La costante riduzione delle tariffe riconosciute dai committenti e la progressiva contrazione dei volumi di traffico ha spinto l’azienda a presentarsi ieri nell’incontro con un nuovo accordo, che è stato sottoscritto dai sindacati. Il terzo nel giro di due anni. Si tratta dell’ennesimo colpo subito dai circa 2.800 dipendenti che lavorano nel capoluogo siciliano. Di questi, secondo i dati forniti dalla società, 935 sono in esubero.

“Il repentino cambio di scenario e l’assordante silenzio delle istituzioni ci obbliga a misure difensive al fine di garantire la continuità occupazionale del sito palermitano di Almaviva e riportare al centro dell’agenda politica del paese le problematiche del settore dei call center – hanno scritto in una nota unitaria le segreterie provinciali e le Rsu di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil e Uglinvestito da pesanti ricadute tecnologiche e da una carenza di regole che fino ad oggi non hanno saputo garantire un rapporto corretto tra committenti, outsourcers e processi di delocalizzazione”. Al momento, infatti, sul sito di Palermo si registra la proroga di quattro mesi della commessa Alitalia, sul cui futuro non vi sono ancora certezze, mentre continuano a calare la mole di lavoro delle commesse Wind e Tim 119.

Tre i punti cardine dell’intesa: il ricorso agli ammortizzatori sociali, gli esodi incentivati e la riqualificazione del personale. Il primo si basa sulla riduzione dell’orario di lavoro al 35% per tutti i dipendenti, sia a tempo pieno che parziale, e si articola nella misura dell’assegno di solidarietà, riconosciuto dal 20 marzo al 16 aprile, e nella cassa integrazione in deroga, riconosciuta dal 20 aprile al 30 giugno. Ai secondi i lavoratori potranno accedere nella finestra tra il 16 e il 20 aprile. A coloro che ne fanno richiesta viene corrisposto il pagamento immediato all’uscita del mancato preavviso più due mensilità, oltre 500 euro della conciliazione, oppure in alternativa un importo pari a 10.000/15.000/20.000 euro. Quest’ultimi dipendono dal profilo orario e vengono corrisposti nell’arco di 24 mesi in tre rate. Il terzo punto consiste nell’attivazione di due Aule pilota di formazione con 30 lavoratori per conseguire le certificazioni Cisco, Java e Oracle.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Una Mattina Diversa

Carissimi, erano quasi le ore 20.00 quando al mio congestionato telefonino mi giunse una telefonata da un numero al quale non potevo non rispondere. La voce era quella del segretario particolare del segretario del grande capo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.