Almaviva Palermo: ancora ammortizzatori ed esodi, i dettagli dell'accordo :ilSicilia.it
Palermo

Gli esuberi sono 935

Almaviva Palermo: ancora ammortizzatori ed esodi, i dettagli dell’accordo

14 Marzo 2019

Ancora un nuovo accordo al ribasso per il call center Almaviva di Palermo. La costante riduzione delle tariffe riconosciute dai committenti e la progressiva contrazione dei volumi di traffico ha spinto l’azienda a presentarsi ieri nell’incontro con un nuovo accordo, che è stato sottoscritto dai sindacati. Il terzo nel giro di due anni. Si tratta dell’ennesimo colpo subito dai circa 2.800 dipendenti che lavorano nel capoluogo siciliano. Di questi, secondo i dati forniti dalla società, 935 sono in esubero.

“Il repentino cambio di scenario e l’assordante silenzio delle istituzioni ci obbliga a misure difensive al fine di garantire la continuità occupazionale del sito palermitano di Almaviva e riportare al centro dell’agenda politica del paese le problematiche del settore dei call center – hanno scritto in una nota unitaria le segreterie provinciali e le Rsu di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil e Uglinvestito da pesanti ricadute tecnologiche e da una carenza di regole che fino ad oggi non hanno saputo garantire un rapporto corretto tra committenti, outsourcers e processi di delocalizzazione”. Al momento, infatti, sul sito di Palermo si registra la proroga di quattro mesi della commessa Alitalia, sul cui futuro non vi sono ancora certezze, mentre continuano a calare la mole di lavoro delle commesse Wind e Tim 119.

Tre i punti cardine dell’intesa: il ricorso agli ammortizzatori sociali, gli esodi incentivati e la riqualificazione del personale. Il primo si basa sulla riduzione dell’orario di lavoro al 35% per tutti i dipendenti, sia a tempo pieno che parziale, e si articola nella misura dell’assegno di solidarietà, riconosciuto dal 20 marzo al 16 aprile, e nella cassa integrazione in deroga, riconosciuta dal 20 aprile al 30 giugno. Ai secondi i lavoratori potranno accedere nella finestra tra il 16 e il 20 aprile. A coloro che ne fanno richiesta viene corrisposto il pagamento immediato all’uscita del mancato preavviso più due mensilità, oltre 500 euro della conciliazione, oppure in alternativa un importo pari a 10.000/15.000/20.000 euro. Quest’ultimi dipendono dal profilo orario e vengono corrisposti nell’arco di 24 mesi in tre rate. Il terzo punto consiste nell’attivazione di due Aule pilota di formazione con 30 lavoratori per conseguire le certificazioni Cisco, Java e Oracle.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona