Almaviva Palermo: ancora ammortizzatori ed esodi, i dettagli dell'accordo :ilSicilia.it
Palermo

Gli esuberi sono 935

Almaviva Palermo: ancora ammortizzatori ed esodi, i dettagli dell’accordo

di
14 Marzo 2019

Ancora un nuovo accordo al ribasso per il call center Almaviva di Palermo. La costante riduzione delle tariffe riconosciute dai committenti e la progressiva contrazione dei volumi di traffico ha spinto l’azienda a presentarsi ieri nell’incontro con un nuovo accordo, che è stato sottoscritto dai sindacati. Il terzo nel giro di due anni. Si tratta dell’ennesimo colpo subito dai circa 2.800 dipendenti che lavorano nel capoluogo siciliano. Di questi, secondo i dati forniti dalla società, 935 sono in esubero.

“Il repentino cambio di scenario e l’assordante silenzio delle istituzioni ci obbliga a misure difensive al fine di garantire la continuità occupazionale del sito palermitano di Almaviva e riportare al centro dell’agenda politica del paese le problematiche del settore dei call center – hanno scritto in una nota unitaria le segreterie provinciali e le Rsu di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil e Uglinvestito da pesanti ricadute tecnologiche e da una carenza di regole che fino ad oggi non hanno saputo garantire un rapporto corretto tra committenti, outsourcers e processi di delocalizzazione”. Al momento, infatti, sul sito di Palermo si registra la proroga di quattro mesi della commessa Alitalia, sul cui futuro non vi sono ancora certezze, mentre continuano a calare la mole di lavoro delle commesse Wind e Tim 119.

Tre i punti cardine dell’intesa: il ricorso agli ammortizzatori sociali, gli esodi incentivati e la riqualificazione del personale. Il primo si basa sulla riduzione dell’orario di lavoro al 35% per tutti i dipendenti, sia a tempo pieno che parziale, e si articola nella misura dell’assegno di solidarietà, riconosciuto dal 20 marzo al 16 aprile, e nella cassa integrazione in deroga, riconosciuta dal 20 aprile al 30 giugno. Ai secondi i lavoratori potranno accedere nella finestra tra il 16 e il 20 aprile. A coloro che ne fanno richiesta viene corrisposto il pagamento immediato all’uscita del mancato preavviso più due mensilità, oltre 500 euro della conciliazione, oppure in alternativa un importo pari a 10.000/15.000/20.000 euro. Quest’ultimi dipendono dal profilo orario e vengono corrisposti nell’arco di 24 mesi in tre rate. Il terzo punto consiste nell’attivazione di due Aule pilota di formazione con 30 lavoratori per conseguire le certificazioni Cisco, Java e Oracle.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.