Almaviva Palermo, fiaccolata per sensibilizzare Roma a intervenire per il salvataggio :ilSicilia.it
Palermo

Prevista per domani 21 gennaio

Almaviva Palermo, fiaccolata per sensibilizzare Roma a intervenire per il salvataggio

di
20 Gennaio 2020

Continua la mobilitazione dei lavoratori del call center Almaviva di Palermo.

Dopo i nulla di fatto dei diversi vertici   che si sono tenuti al Ministero del Lavoro e dell’incontro delle scorse settimane nella sede di Sicindustria le Rsu e le segreterie di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil e Ugl Tlc hanno organizzato per domani 21 gennaio, con concentramento alle 18.30 a piazza Vittorio Veneto a Palermo, una fiaccolata per protestare contro il ricorso all’ammortizzatore sociale “con percentuali sempre più alte non sostenibili dai 2600 lavoratori di Almaviva Palermo, già in ammortizzatore da 8 anni”.

La protesta dei sindacati è rivolta contro l’applicazione dell’ammortizzatore sociale ‘per commesse’ che “condannerebbe centinaia di famiglie alla povertà” e la “sperequazione del lavoro sulle sedi di Almaviva Contact”.

I sindacati reclamano il via libera agli emendamenti per i call center e la costituzione di un fondo di settore da parte del governo nazionale, oltre ad adeguate risorse per la formazione e la riqualificazione del personale.

Le sigle sindacali, inoltre, sollecitano l’istituzione di un ammortizzatore sociale strutturale ordinario e regole contro la delocalizzazione dell’assistenza clienti fuori dall’Italia.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.