Almaviva Palermo: l'azienda vuole il controllo a distanza dei lavoratori :ilSicilia.it
Palermo

La trattativa proseguirà il 12 giugno

Almaviva Palermo: l’azienda vuole il controllo a distanza dei lavoratori

6 Giugno 2018

Dopo l’accordo raggiunto lo scorso 1 giugno tra Almaviva e le organizzazioni sindacali, ad eccezione della Slc Cgil, di ricorrere al contratto di solidarietà per scongiurare l’avvio della procedura di licenziamento collettivo per 724 dipendenti del call center di Palermo, prosegue la trattativa tra le parti che si sono riunite oggi presso l’assessorato regionale al Lavoro. Al centro della discussione la richiesta decisa da parte dell’azienda di trovare un’intesa sul controllo individuale a distanza dei lavoratori attraverso il quale, secondo i manager della società, sarebbe possibile aumentare la produttività. Condizione quest’ultima considerata indispensabile per affidare al sito siciliano volumi di lavoro aggiuntivi che riducano il ricorso agli ammortizzatori sociali.

Il prossimo incontro si terrà il 12 giugno. Per i sindacati però il possibile aumento dei volumi di lavoro non può essere l’unica merce di scambio in grado di giustificare un compromesso così delicato che riguarda le libertà ed i diritti dei lavoratori, seppur previsto dallo Statuto dei lavoratori. Da qui la richiesta avanzata da tutte le organizzazioni sindacali sedute al tavolo di discutere anche di esodo incentivato, di contratto di secondo livello e di formazione professionale del personale. Per quest’ultima viene chiamata in causa la Regione Siciliana quale ente finanziatore delle attività. “Se su questi temi si troverà una convergenza – spiega Giuseppe Tumminia della Uilcomallora sottoporremo la questione a referendum”.

Più radicale la posizione della Slc Cgil, per niente disposta a concedere il controllo individuale a distanza ma disponibile ad aprire un confronto sulla produttività e sulla qualità del lavoro a patto che prima l’azienda conceda quanto chiesto dai sindacati. “Ancora una volta – dichiara il segretario Maurizio Rossoregistriamo che non ci sono progetti di investimenti sulla sede di Palermo, che non c’è un piano industriale chiaro che porti radicamento sul territorio e consolidamento del lavoro e soprattutto una prospettiva di sviluppo di Almaviva. Crediamo che la Regione debba intervenire su temi come la formazione e le nuove tecnologie e che l’azienda debba cominciare a restituire ai lavoratori tutti i sacrifici fatti negli ultimi 5 anni”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.