Almaviva, Uilcom : "A Palermo rischio macelleria sociale. Fermate la gara di Ita-Alitalia" :ilSicilia.it
Palermo

La vertenza

Almaviva, Uilcom : “A Palermo rischio macelleria sociale. Fermate la gara di Ita-Alitalia”

di
3 Agosto 2021

Lavoratori e sindacati sono sul piede di guerra. Dopo la scoperta shock della gara indetta dalla società Ita (ex Alitalia), è corsa contro il tempo per fermare un possibile maxi licenziamento degli addetti alla commessa Alitalia di Almaviva Contact S.p.A. della sede di Palermo e che potrebbe arrivare in pieno agosto.

Le prime proteste, avrebbero già portato a un risultato. A darne notizia è Giuseppe Tumminia Segretario Generale Uilcom Uil Sicilia: “Apprendiamo con piacere le ultime rassicurazioni di ITA sulla continuità occupazionale dei lavoratori del Call Center servizio clienti Alitalia su Palermo e pertanto diventa ancora più determinante l’esigenza di un tavolo istituzionale in grado di offrire le massime garanzie in un contesto di massima trasparenza, presupposti che oggi con l’avvio di detta gara sono assolutamente assenti.”

Per  570 lavoratori palermitani, si è trattato di un fulmine a ciel sereno, di una tegola caduta all’improvviso lo scorso 31 luglio. Si tratta della gara indetta da Italia Trasporto Aereo  per la gestione del proprio servizio di assistenza clienti. Per Rosy Contorno della Uilcom Sicilia“la scelta di valutare le offerte adottando il criterio del massimo ribasso, di non inserire alcuna clausola sociale e di non prevedere il requisito della territorialità, è assolutamente incomprensibile. Veniamo da 10 anni travagliati e il nostro obiettivo e salvaguardare i posti di lavoro. Faremo di tutto per fermare la gara“.

Ad aggravare la situazione,  il fatto che la società in questione sia una newco pubblica nata meno di un anno fa sulle ceneri di Alitalia. Si parla di maxi stanziamenti dello Stato per un piano industriale di cui si conosce ancora poco ma che già comincia a mostrare i primi segnali ed effetti a livello occupazionale.

Per i sindacati si tratta dell’ennesimo tentativo di eludere la clausola sociale dei call center, norma di civiltà arrivata nel 2016 e  che negli ultimi anni ha garantito la continuità lavorativa a migliaia di lavoratori.
Per questo motivo le OO.SS. e le RSU Slc CGIL, Fistel CISL, Uilcom UIL e UGL Tlc di Almaviva Palermo hanno proclamato lo sciopero per l’intero turno di tutti i lavoratori addetti alla commessa Almaviva Palermo dal 5 al 9 agosto 2021.
Inoltre, le Segreterie Territoriali hanno richiesto un incontro urgente con il Prefetto di Palermo  e la convocazione di un Tavolo Istituzionale per il 6 agosto. Lo stesso appello è stato rivolto al sindaco della città, Leoluca Orlando e al Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci.

In una nota unitaria i sindacati hanno ribadito che “la gara, bandita da una società pubblica, ha caratteristiche ‘privatistiche’. Questi lavoratori hanno una anzianità professionale sul servizio più che ventennale e operano prevalentemente sulla sede di Palermo e in parte su Rende. Il servizio messo a gara da ITA risulta essere di fatto il medesimo di quello attualmente svolto da questi lavoratori per Alitalia”.  I sindacati aggiungono che “non vi è alcun dubbio del fatto che i presupposti di questo bando porterebbero direttamente al disastro sociale. La gara è totalmente improntata al principio del massimo ribasso. Il premio, addirittura con un punteggio tecnico extra al fornitore che avesse la propria sede su Roma, al netto di dove oggi sono allocati i centri produttivi, è di fatto un invito a delinquere, ovvero a non rispettare la legge sulle clausole sociali che garantisce la continuità occupazionale nei servizi di call center. Per non parlare del fatto che, come detto, nel bando non si esclude affatto la possibilità di delocalizzare in parte o tutta la commessa (con il massimo ribasso senza alcun limite minimo non sembrerebbe un’opzione quanto una certezza)”.

Intanto, si avvicina il 15 agosto e Ita, la controllata dal Ministero dell’Economia, prenderà il posto di Alitalia nell’attività di volo e comincerà a vendere i biglietti. Proprio per questa ragione, spiega Contorno, i tempi per la gara sono così ristretti. Anche se il primo decollo è previsto per metà ottobre, la società ha fretta di trovare sul mercato chi dovrà occuparsi dei servizi gestiti praticamente in esclusiva da anni, da Almaviva e dai suoi dipendenti. E a minacciare altri 300 lavoratori palermitani, un’altra vertenza che coinvolge i lavoratori Abramo Customer Care complesso aziendale il cui fallimento, gestito dal Tribunale di Roma, non ha portato ad alcuna soluzione.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin