Altri 20 migranti in fuga a Messina, De Luca: "Non entra più nessuno" :ilSicilia.it
Messina

il sindaco vuole chiudere l'ex caserma Gasparro

Altri 20 migranti in fuga a Messina, De Luca: “Non entra più nessuno”

di
19 Agosto 2020

Dopo le fughe dei giorni scorsi erano rimasti soltanto 20 migranti a Messina nel centro di accoglienza dell’ex caserma Gasparro di Bisconte ma anche questi ultimi cittadini extracomunitari sono scappati nella notte appena trascorsa facendo perdere le proprie tracce. Una notizia che ha subito mandato su tutte le furie il sindaco Cateno De Luca, che ha ripreso il suo braccio di ferro con il Viminale e già nella giornata di ieri aveva lanciato bordate senza mezzi termini all’indirizzo del ministro Luciana Lamorgese.

“Dei venti migranti fuggiti dall’ex caserma Gasparro di Bisconte non abbiamo ancora notizie – ha comunicato De Luca -. L’unica cosa certa è che il 28 agosto farò apporre i sigilli agli ingressi dell’ex hotspot e non entrerà più nessuno. Sono convinto che la ministra degli interni Lamorgese per risarcire la comunità messinese assegnerà immediatamente l’immobile al comune di Messina per riconvertirlo in altre attività gestite dal palazzo municipale”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin