Altri due arresti a Catania per l'inchiesta "Fake credits": avevano rilasciato dichiarazioni false :ilSicilia.it
Catania

Finti crediti tributari

Altri due arresti a Catania per l’inchiesta “Fake credits”: avevano rilasciato dichiarazioni false

di
4 Agosto 2020

Passano dagli arresti domiciliari al carcere a causa delle loro dichiarazioni, giudicate false dagli investigatori, due delle 24 persone arrestate a luglio nell’ambito dell’inchiesta ‘Fake credits’ della Procura distrettuale etnea su un giro di crediti tributari ‘fasulli’ creato attraverso il ‘reperimento e la costituzione di società ‘farlocche” sfociata nell’arresto di 24 persone.

Ventuno furono poste ai domiciliari e fu disposto il sequestro impeditivo delle quote di 11 società e di beni per 9,5 milioni di euro. In cella sono finiti il commercialista Antonio Paladino, 57 anni, presidente dell’associazione datoriale Confimed Italia, ed un suo diretto collaboratore e dipendente, Gaetano Sanfilippo, di 43.

I militari della Guardia di finanza di Catania, su delega della Procura etnea, hanno eseguito nei loro confronti un provvedimento di custodia cautelare in carcere emesso dal Gip.

Per entrambi è un aggravamento della misura cautelare degli arresti domiciliari che era stata concessa, a seguito dell’iniziale misura restrittiva in carcere, in considerazione della presunta volontà di collaborare alle indagini e alle dichiarazioni rese dai due professionisti al pm.

Successive attività di riscontro svolte dalla Procura e dalla Guardia di finanza di Catania hanno permesso però di evidenziare la falsità delle dichiarazioni rilasciate dai due finalizzate, da un lato ad alleggerire la propria posizione e, dall’altro ad addossare la responsabilità delle operazioni fiscali fraudolente a persone estranee ai fatti.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.
Ieri 16:47