Amap, i sindacati: "Paralizzato lo sviluppo della società". Terrani (Mov139): "Pronti al confronto" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Secondo le sigle non è stato rispettato l'accordo

Amap, i sindacati: “Paralizzato lo sviluppo della società”. Terrani (Mov139): “Pronti al confronto”

di
24 Marzo 2019

Le segreterie territoriali di Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil Palermo esprimono “forti preoccupazioni dopo le assemblee dei lavoratori e denunciano il mancato rispetto dell’accordo sottoscritto il 5 novembre 2018 che avrebbe dovuto sanare una condizione di precarietà gestionale interna e nel servizio reso nei 34 Comuni gestiti da Amap nell’Area Metropolitana”.

Colpa di numerosi atti da parte del servizio Partecipate del Comune di Palermo che paralizzano lo sviluppo della società e nelle attività quotidiane – proseguono i sindacati – L’accordo prevede automatismi e passaggi contrattuali, il passaggio al full time dei lavoratori ex Aps, l’aumento dei permessi per il personale ex Amia, tutto ciò chiedendo delle rinunce agli stessi lavoratori per rientrare nei parametri economici imposti dall’azienda. Dopo mesi di serrate trattative, i sindacati ne hanno riscontrato il mancato rispetto. L’Amap necessita di una vera e funzionale riorganizzazione anche attraverso un confronto costruttivo con le organizzazioni sindacali che sono un valore aggiunto. Tale riorganizzazione deve iniziare con l’improcrastinabile avvio della selezione del direttore generale”.

Senza risposte e a tutela dei lavoratori e della cittadinanza siamo pronti a intraprendere azioni di protesta“, concludono i sindacati.

A questo proposito è intervenuto il consigliere comunale capogruppo del Mov139, Sandro Terrani, che ha detto “Come già fatto in precedenza su altre tematiche Amap in effetti l’Ufficio Società Partecipate è andato oltre le loro competenze, infatti la manovra non sarebbe dovuta passare neanche da codesto ufficio, bensì dall’assemblea dei soci Amap, così come già effettuato da altre società partecipate del Comune di Palermo”.

Ho già informato il sindaco della vicenda e non mancherà certamente il confronto tra le organizzazioni sindacali e l’Amministrazione attiva” ha concluso Terrani.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.