Amap Palermo: approvato il bilancio 2019 con un utile di 4,8 milioni :ilSicilia.it
Palermo

i dati

Amap Palermo: approvato il bilancio 2019 con un utile di 4,8 milioni

di
7 Luglio 2020

Sì al bilancio 2019 Amap, l’azienda che gestisce il servizio idrico integrato in 34 Comuni dell’Ato Palermo e di cui il Comune e socio di maggioranza. Il documento – approvato dall’assemblea alla presenza dell’assessore comunale Maria Prestigiacomo – presenta ricavi pari ad oltre 112 milioni di euro (+ 7,12 % rispetto ai 105 milioni di euro dell’anno precedente) e un utile netto pari a 4,8 milioni di euro, prevalentemente vincolati alla realizzazione di investimenti.

Il risultato economico raggiunto dall’Amap – ha detto il sindaco Leoluca Orlando – conferma della bontà di una scelta strategica, quella della garanzia del servizio idrico come servizio pubblico gestito da un’azienda pubblica, che il Comune di Palermo ha condiviso e vuole condividere con le altre amministrazioni del territorio. Un percorso che speriamo di poter definire con un assetto di pianificazione finale, in corso di elaborazione da parte dell’Ente d’Ambito, che dovrà assicurare le condizioni di sostenibilità economica – finanziaria della gestione unitaria da parte di Amap Spa”.

Per l’amministratore unico della società Alessandro Di Martino:

“Questo bilancio evidenzia la solidità industriale di Amap Spa e i progressi compiuti con l’incremento degli interventi di ammodernamento e rifunzionalizzazione delle infrastrutture del SII sulla base di una pianificazione fondata ormai sui nuovi assetti tariffari approvati dal soggetto regolatore nazionale Arera.  L’obiettivo di Amap del prossimo futuro e’ quello di condividere il proprio secolare patrimonio di conoscenze con gli altri Comuni dell’Ato di Palermo e conseguire una gestione unitaria improntata all’efficienza del servizio e alla salvaguardia delle risorse idriche e dell’ambiente. La sfida per il futuro è aperta, sapremo coglierla come opportunita’ se l’affronteremo consapevoli dei notevoli margini di miglioramento ancora possibili. Questo risultato e’ da ascriversi alla risorsa più preziosa di cui l’Azienda dispone: il personale tutto. Ad esso e alla dirigenza della società rivolgo il mio più vivo ringraziamento per il crescente impegno con cui hanno operato e continuano ad operare”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.