Amat, confermato lo sciopero: i sindacati si scusano con la cittadinanza :ilSicilia.it
Palermo

la dichiarazione

Amat, confermato lo sciopero: i sindacati si scusano con la cittadinanza

di
10 Maggio 2021

Resta confermato lo sciopero di quattro ore dei lavoratori Amat previsto per mercoledì 12 maggio. La decisione dei sindacati di categoria Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti, Ugl Trasporti, Faisa Cisal, Cobas Trasporti e Orsa Trasporti, è giunta al culmine dell’incontro che si è svolto in videoconferenza fra le parti sociali e gli assessori comunali alla Mobilità e Rapporti funzionali con Amat Giusto Catania e al Bilancio Sergio Marino. In particolare autisti e verificatori sciopereranno dalle 9 alle 13 e gli addetti agli impianti fissi, uffici e restante personale nelle ultime 4 ore di lavoro.

“Siamo consapevoli dei possibili disagi per la cittadinanza e ci scusiamo sin da subito  – spiegano Franco Mineo per la Filt Cgil, Salvatore Girgenti per la Fit Cisl, Franco Trupia per Uil Trasporti, Corrado di Maria per Ugl Trasporti, Fabio Danisvalle per Faisa Cisal, Carlo Cataldi per Cobas Trasporti e Giuseppe Taormina per Orsa Trasporti –, ma in gioco c’è il futuro di un’azienda fondamentale per la città e per la vita di ben 1200 famiglie. Dal Comune non è giunta alcuna rassicurazione, sulla vicenda di Tari e Tosap, si continua a sostenere che le somme richieste alla Partecipata dall’amministrazione comunale sono giuste e dovute, e questo mina fortemente la stabilità economica di Amat. Non siamo noi a sostenerlo ma lo stesso Presidente considera instabile il futuro economico-finanziario di questa azienda”.

Nelle scorse settimane i sindacati avevano chiesto una soluzione proprio all’amministrazione comunale, alla luce della conferma del taglio nel primo bimestre di quest’anno di circa il 10 per cento del contributo che il Comune versa ad Amat  (da 4,6 milioni a circa 4,1 e una soluzione sul contenzioso fiscale fra l’ente locale e l’Azienda legato alla Tosap e alla Tari che gravano per, rispettivamente, 94 milioni euro e circa 32 milioni euro.  I sindacati sollecitano anche un nuovo contratto di servizio con la ricapitalizzazione dell’azienda. “Non abbiamo altra scelta che procedere con lo sciopero“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin