Amat nel mirino della Corte dei Conti: "Pagati servizi non svolti" :ilSicilia.it
Palermo

Presunto danno erariale

Amat nel mirino della Corte dei Conti: “Pagati servizi non svolti”

di
25 Settembre 2018

Nuova tegola sull’Amat. La partecipata del Comune di Palermo che gestisce il servizio di trasporto pubblico in città, con autobus, tram, car & bike Sharing sarebbe coinvolta in un’inchiesta della procura della Corte dei conti per presunta «mala gestio e restituzione delle somme al Comune relative a servizi non svolti».

Disallineamenti Amat, infografica GDS 25.09.2018.jpg
Disallineamenti Amat, infografica GDS

In pratica si contesta l’aver fatturato al Comune milioni di euro per chilometri mai percorsi. Lo scrive oggi il Giornale di Sicilia in edicola. L’indagine fa tremare Palazzo delle Aquile, dove da tempo si solleva il caso dei conti in rosso dell’azienda di via Roccazzo, nonostante le smentite della Giunta Orlando. I magistrati contabili stanno verificando se c’è danno erariale.

Sarebbero partite già le prime tre lettere di costituzione in mora firmate dal segretario generale, Antonino Le Donne, e indirizzate a tre alti dirigenti – scrive il GdS – . Il valore per cui si procede è di 545 mila euro, relativamente ai pagamenti del 2018. Tutto parte dalla questione dei disallineamenti fra società partecipate. Sugli scostamenti dare-avere il sindaco ha dato ordine di appianare”.

Orlando infatti, lo ricordiamo, aveva intimato alle aziende di stralciare i crediti vantati. Circa 18 milioni in tutto. L’inchiesta riguarda “fatturazioni per prestazioni non svolte dal 2008 in poi. In particolare dal 2008 al 2010 l’azienda ha incassato 13,1 milioni in più del dovuto; dal 2011 al 2014 i milioni pagati in più sarebbero 33, ma di questi solo 6,4 sono stati regolarmente trasferiti e 26 sono stati soltanto iscritti in bilancio. In sostanza, dunque, il Comune avrebbe pagato un numero di chilometri di percorrenza degli autobus superiore a quello effettivamente svolto“, conclude il Gds.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.