Amat Palermo, la denuncia dei sindacati: "Ancora ritardi nel pagamento degli stipendi" :ilSicilia.it
Palermo

"i lavoratori sono stanchi"

Amat Palermo, la denuncia dei sindacati: “Ancora ritardi nel pagamento degli stipendi”

di
3 Giugno 2020

“Ancora una volta i lavoratori dell’Amat restano a bocca asciutta! Anche per il mese di maggio non si hanno notizie certe sul pagamento degli stipendi. Tutto era subordinato alla vicenda delle risorse TPL, regionali, già incassate dal Comune di Palermo sin dalla metà di aprile, ma che poi non sono state versate all’azienda che ne è destinataria”.

Cosi denunciano gli ennesimi ritardi nel pagamento degli stipendi dei lavoratori di Amat, Franco Mineo Filt Cgil, Salvatore Girgenti Fit Cisl, Franco Trupia Uiltrasporti, Fabio Danisvalle Faisa Cisal, Corrado Di Maria Ugl, Carlo Cataldi Cobas Trasporti e Giuseppe Taormina Orsa Trasporti.

I lavoratori sono stanchi. Per l’ennesima volta è grande il disagio a loro arrecato, il loro lavoro viene puntualmente mortificato in questo modo, vincolato alle diatribe fra i dirigenti del Comune e l’Azienda Trasporti di Palermo”.

“Come se non bastasse neanche i vari assessorati comunali, dal Bilancio alle Partecipate, riescono a dare certezze sul trasferimento dei fondi. Da mercoledì scorso ci era stato assicurato dall’assessore al Bilancio, che anche se in ritardo, le procedure per il trasferimento risorse erano state esperite, tuttavia ancora oggi, dopo otto giorni non si ha alcuna traccia delle somme e pertanto l’Azienda non è in grado di garantire le retribuzioni di maggio, rinviando a data incerta”. 

I sindacati di Amat ribadiscono che “da diverso tempo ormai, Amat subisce continui ritardi su ogni dispositivo amministrativo da parte dei dirigenti del Comune, senza che si sia provveduto a risolvere una volta per tutte le eventuali disfunzioni. Se non si interviene l’azienda e i lavoratori continueranno a subire le vessazioni indotte da qualunque virgola che ostacola la liquidità disponibile. Ci era stato trasmesso che l’ultimo blocco era dipeso da una variazione contrattuale che il Presidente dell’Amat avrebbe dovuto sottoscrivere; di certo sappiamo che tale vincolo sia stato superato almeno da una ventina di giorni. Ci chiediamo allora, perché i dirigenti del Comune non hanno provveduto a evadere prontamente per le somme regionali già disponibili. Mistero il quale viene scontato sui diritti dei lavoratori e sulla serenità delle loro famiglie”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.