Amat, proclamato lo stato di agitazione: "Preoccupati per il futuro" :ilSicilia.it
Palermo

la voce dei sindacati

Amat, proclamato lo stato di agitazione: “Preoccupati per il futuro”

di
17 Giugno 2020

Sono in stato di agitazione i lavoratori di Amat. A proclamarlo con una nota sono i sindacati di categoria Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal, Ugl, Cobas e Orsa Tpl, “protestiamo dopo l’ennesima aggressione subita dal personale Amat da parte dell’utenza che è sempre più insofferente ai disagi causati dalla insufficienza del trasporto pubblico offerto dall’Azienda” scrivono.

Da qui lo stato di agitazione di tutto il personale “che non può più continuare a svolgere il proprio lavoro gravato dalla insicurezza ordinaria aggravata dalle circostanze sanitarie e dalle contraddizioni della città” commentano Franco Mineo Filt Cgil, Salvatore Girgenti Fit Cisl, Franco Trupia Uiltrasporti, Fabio Danisvalle Faisa Cisal, Corrado Di Maria Ugl, Carlo Cataldi Cobas Trasporti e Giuseppe Taormina Orsa Trasporti.

“Amat, con le risorse umane ridotte al minimo ormai da tempo, risponde ai dispositivi dei decreti governativi sulle misure imposte per contenere i rischi da Covid-19 ma a fatica riesce a contenere spesso il grande flusso di utenti, soprattutto nelle linee dirette verso la spiaggia di Mondello ormai prese d’assalto”.

I sindacati aggiungono: “La situazione dei pochi mezzi disponibili per mancanza di personale di guida ma anche per il controllo del contingentamento, stanno mettendo in seria difficoltà la sicurezza del personale , per questo proclamiamo lo stato di agitazione, ritenendo non più prorogabile la presa d’atto dell’azienda e delle istituzioni, nel predisporre ogni misura che consenta l’offerta di trasporto pubblico adeguata alla richiesta ed alle necessità della popolazione del capoluogo siciliano garantendo il lavoro in sicurezza di tutti gli operatori Amat”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin