Amat, sindacati sul piede di guerra: "A Palermo pochi autisti e mezzi dimezzati" :ilSicilia.it
Palermo

la dichiarazione

Amat, sindacati sul piede di guerra: “A Palermo pochi autisti e mezzi dimezzati”

di
31 Agosto 2020

“Nonostante i ripetuti appelli, l’allarme sulla carenza di personale è rimasto un grido inascoltato e l’Amat Palermo continua a erogare un servizio sempre più ridotto, dimezzato rispetto allo scorso anno“. A ribadirlo sono  i sindacati di Amat, Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal, Ugl, Cobas e  Orsa Tpl.

“I già conclamati disagi, con quelli aggiunti in piena fase di emergenza Covid-19 e con la successiva fase di contingentamento a bordo, purtroppo non si sono certamente attenuati poiché i cittadini palermitani continuano a fare file alle fermate in attesa di utilizzare il mezzo pubblico. Allo stato attuale non vi è alcuna possibilità per rendere meno disagiato il servizio per la cittadinanza poiché l’Azienda, al momento, non è assolutamente in grado di potere garantire almeno il minimo come da contratto di servizio con il Comune di Palermo” commentano Gaetano Bonavia Filt Cgil, Salvatore Girgenti Fit Cisl, Franco Trupia Uiltrasporti, Fabio Danisvalle Faisa Cisal, Corrado Di Maria Ugl, Carlo Cataldi Cobas Trasporti e Giuseppe Taormina Orsa Trasporti.

Siamo preoccupati per le ricadute fortemente negative, che interesseranno sia il servizio che il corretto e sicuro svolgimento dello stesso. Abbiamo sollecitato l’assessore comunale alla Mobilità Catania per un immediato confronto che si svolgerà nella giornata di oggi alla presenza della Presidenza dell’Azienda“. “Il continuo svuotamento dell’organico, fisiologicamente provato dall’inarrestabile pensionamento del personale, dovuto all’età medio alta dello stesso, sta continuando

a mettere in ginocchio la capacità di offrire all’utenza una garanzia di servizio accettabile, ancor più compromesso dall’ancora critica situazione pandemica”.  Per tali motivi, i sindacati in correlazione anche dell’imminente inizio dell’anno scolastico, hanno sollecitato in diverse occasioni e modi la richiesta di aumento dell’organico aziendale, in particolare degli autisti. “Questa richiesta era al centro dell’accordo raggiunto in sede prefettizia il 7 luglio scorso fra l’amministrazione comunale e l’azienda, che si è concretizzato con una delibera di Giunta comunale che dava il via all’assunzione di 100 autisti e 41 meccanici. Della delibera allo stato attuale non vi è alcuna procedura attuativa, anzi si sono verificate tensioni fra l’Amministrazione comunale e aziendale che non permettono di poter far ricorso a quelle risorse umane assolutamente indispensabili”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.