Amat, sindacati: "Taglio del 10% del contratto mette a rischio futuro azienda" :ilSicilia.it
Palermo

il commento

Amat, sindacati: “Taglio del 10% del contratto mette a rischio futuro azienda”

di
24 Settembre 2021

“Siamo molto preoccupati per il futuro di Amat, e non soltanto per il ritardo degli stipendi che spesso i lavoratori devono tollerare, ma soprattutto per la decurtazione del 10% del contratto di servizio con il Comune di Palermo. Così si rischia la sopravvivenza di una delle principali aziende municipalizzate della città che gestisce un servizio fondamentale ed essenziale per i cittadini”.

Ad affermarlo sono Franco Mineo per la Filt Cgil, Salvatore Girgenti per la Fit Cisl, Franco Trupia per Uil Trasporti, Corrado Di Maria per Ugl Trasporti, Fabio Danisvalle per Faisa Cisal, Carlo Cataldi per Cobas Trasporti e Giuseppe Taormina per Orsa Trasporti.

“Questo taglio inciderà sui servizi, metterà a rischio delle linee di autobus e graverà fortemente sui conti di Amat. Se alla rimodulazione del contratto di servizio si aggiunge anche il pre-dissesto del Comune di Palermo che nulla di buono fa presagire sul fronte del futuro delle partecipate, si comprende perché non siamo per nulla certi su come l’azienda possa tollerare questi tagli nei prossimi mesi. Come emerso dalla riunione che si è tenuta in Prefettura lo scorso mese di aprile, Amat non può continuare a gestire servizi in perdita e il piano di risanamento deve essere condiviso dal socio unico, cioè il Comune”.

I sindacati concludono “vogliamo la garanzia per gli stipendi dei lavoratori e chiediamo che si trovino soluzioni diverse al contenzioso fiscale fra amministrazione comunale e Amat,  che non pregiudichino i servizi e che non mettano in condizione di incertezza il futuro dei lavoratori”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin