16 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.24
Palermo

Sequestrata l'area

Ambiente: amianto e sfabbricidi. Scoperta bomba ecologica alla foce dell’Oreto

22 Dicembre 2017

PALERMO. Il dubbio adesso si è tramutato in certezza. Nei mesi scorsi avevamo raccontato in esclusiva la presenza di amianto, rifiuti industriali cancerogeni e sfabbricidi lungo la Costa Sud, precisamente all’altezza dell’ex mammellone di Acqua dei Corsari. A causa dell mareggiate la costa è stata erosa, e l’acqua ha fatto riaffiorare rifiuti speciali, potenzialmente pericolosi per la salute pubblica. Avevamo documentato le paure dei residenti di via Messina Marine che sostenevano alti tassi di morte per tumore tra gli abitanti della zona. Infine a seguito delle segnalazioni l’Arpa e la Capitaneria di di porto si erano attivate per effettuare campionamenti e analisi. L’ipotesi che emerse era di portare gli atti alla procura.

Oggi, sempre sullo stesso litorale, poche centinaia di metri prima, all’altezza della foce del fiume Oreto, una nuova amara scoperta.

Gli agenti della Polizia municipale di Palermo hanno sequestrato un’area di 5 mila metri quadrati alla foce del fiume Oreto utilizzata dalla ditta “La Cala scarl” quale deposito di tubi per la realizzazione del nuovo collettore fognario di Palermo.

Gli agenti, a seguito di un incendio di probabile origine dolosa avvenuto la scorsa estate (dove fu ritrovato pure un cadavere in decomposizione, sotto la FOTOGALLERY), hanno effettuato controlli accorgendosi che nell’area vi sono lastre di amianto sbriciolato e rifiuti di vario genere.

Le mareggiate di questi giorni hanno provocato erosioni nel terreno, portando alla luce i rifiuti. Si sospetta che l’area sia utilizzata da decenni per scaricarci rifiuti di ogni genere, dagli sfabbricidi del sacco di Palermo ai residui industriali dei giorni d’oggi, e successivamente spianata. Se le ipotesi degli investigatori risultassero vere, rimarrebbe il problema della bonifica, in quanto l’area di proprietà della Fincantieri e del Demanio marittimo è stata ceduta al Comune, che a sua volta l’ha data in concessione alla ditta “La Cala”.

Adesso bisogna capire chi dovrà bonificarla.

Proprio lunedì scorso, il noto videomaker e documentarista palermitano Igor D’India, ha pubblicato un video che sta spopolando sui social network, in cui auspicava il rilancio dell’Oreto, “da fogna all’Unesco”

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.