Ambiente: dalle dune agrigentine il caso della ruspa arriva a Bruxelles :ilSicilia.it
Agrigento

L'INTERROGAZIONE ALLA COMMISSIONE EUROPEA

Ambiente: dalle dune agrigentine il caso della ruspa arriva a Bruxelles

di
24 Giugno 2020

Un’interrogazione alla Commissione Europea per chiedere  se intende intervenire per rafforzare la tutela degli ecosistemi marini non protetti nell’ambito della rete Natura 2000. A depositarla è stato oggi l’eurodeputato siciliano Ignazio Corrao (M5S) in riferimento al caso della distruzione della duna sulla spiaggia di Maddalusa, nell’area di San Leone, a 5 chilometri da Agrigento.

ignazio corrao
Ignazio Corrao

Le immagini della ruspa in azione su quella spiaggia – dice  Corrao – fanno male agli occhi e ovviamente all’ecosistema. Se il Comune di Agrigento avesse voluto rimuovere i rifiuti avrebbe potuto utilizzare ben altri strumenti anziché spianare la sabbia con le ruspe, sotterrando peraltro parte dei rifiuti. Chiediamo all’ Europa di verificare una possibile violazione su un sito protetto. E poiché anche la Regione ha le sue responsabilità, il presidente Musumeci dica cosa vuol fare con il piano sull’erosione costiera“.

Pur avendo una grande importanza naturalistica in quanto territorio di nidificazione di uccelli e tartarughe, quelle agrigentine sono considerate dune costiere minori e non sono inserite nello schema di protezione Natura 2000. Abbatterle significa comunque esporre la linea di costa all’azione erosiva delle maree.  Necessario quindi un sistema di protezione più efficace per proteggere  anche queste.

A cominciare – sottolinea Corrao – “dalla raccolta della spazzatura a mano e il divieto di utilizzare ruspe“. Nonostante i fondi per il contrasto all’erosione costiera e la direttiva Habitat, in Sicilia le istituzioni regionali permettono pratiche distruttive sulla costa, come avvenuto recentemente anche nel sito Natura 2000 ITA040003 con la costruzione di due ristoranti nel Comune di Montallegro o presso la spiaggia di Eraclea Minoa”.

Per queste ragioni – conclude  l’eurodeputato – ho chiesto alla Commissione Europea se è a conoscenza del fenomeno di abbattimento delle dune costiere in Sicilia, come intende intervenire per rafforzare la tutela delle dune non protette dalla rete Natura 2000 e se intende fornire supporto per progettazione, monitoraggio e controllo per la tutela e ripristino delle dune costiere, anche quelle non incluse tra i siti di  protezione speciale dell’Unione europea”.

 

LEGGI ANCHE

Danni alla spiaggia di Maddalusa: la Procura di Agrigento apre un’inchiesta | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.