Ambiente: dalle dune agrigentine il caso della ruspa arriva a Bruxelles :ilSicilia.it
Agrigento

L'INTERROGAZIONE ALLA COMMISSIONE EUROPEA

Ambiente: dalle dune agrigentine il caso della ruspa arriva a Bruxelles

di
24 Giugno 2020

Un’interrogazione alla Commissione Europea per chiedere  se intende intervenire per rafforzare la tutela degli ecosistemi marini non protetti nell’ambito della rete Natura 2000. A depositarla è stato oggi l’eurodeputato siciliano Ignazio Corrao (M5S) in riferimento al caso della distruzione della duna sulla spiaggia di Maddalusa, nell’area di San Leone, a 5 chilometri da Agrigento.

ignazio corrao
Ignazio Corrao

Le immagini della ruspa in azione su quella spiaggia – dice  Corrao – fanno male agli occhi e ovviamente all’ecosistema. Se il Comune di Agrigento avesse voluto rimuovere i rifiuti avrebbe potuto utilizzare ben altri strumenti anziché spianare la sabbia con le ruspe, sotterrando peraltro parte dei rifiuti. Chiediamo all’ Europa di verificare una possibile violazione su un sito protetto. E poiché anche la Regione ha le sue responsabilità, il presidente Musumeci dica cosa vuol fare con il piano sull’erosione costiera“.

Pur avendo una grande importanza naturalistica in quanto territorio di nidificazione di uccelli e tartarughe, quelle agrigentine sono considerate dune costiere minori e non sono inserite nello schema di protezione Natura 2000. Abbatterle significa comunque esporre la linea di costa all’azione erosiva delle maree.  Necessario quindi un sistema di protezione più efficace per proteggere  anche queste.

A cominciare – sottolinea Corrao – “dalla raccolta della spazzatura a mano e il divieto di utilizzare ruspe“. Nonostante i fondi per il contrasto all’erosione costiera e la direttiva Habitat, in Sicilia le istituzioni regionali permettono pratiche distruttive sulla costa, come avvenuto recentemente anche nel sito Natura 2000 ITA040003 con la costruzione di due ristoranti nel Comune di Montallegro o presso la spiaggia di Eraclea Minoa”.

Per queste ragioni – conclude  l’eurodeputato – ho chiesto alla Commissione Europea se è a conoscenza del fenomeno di abbattimento delle dune costiere in Sicilia, come intende intervenire per rafforzare la tutela delle dune non protette dalla rete Natura 2000 e se intende fornire supporto per progettazione, monitoraggio e controllo per la tutela e ripristino delle dune costiere, anche quelle non incluse tra i siti di  protezione speciale dell’Unione europea”.

 

LEGGI ANCHE

Danni alla spiaggia di Maddalusa: la Procura di Agrigento apre un’inchiesta | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin