Ambiente: discarica abusiva con batterie e oli saturi nell'Oasi del Simeto :ilSicilia.it
Catania

DENUNCIATI I TITOLARI

Ambiente: discarica abusiva con batterie e oli saturi nell’Oasi del Simeto

2 Settembre 2019

Gli agenti della polizia di Stato, grazie alla segnalazione di un cittadino, hanno scoperto una vera e propria discarica in un terreno nell’Oasi del Simeto, nel catanese. I poliziotti, giunti sul posto, hanno sorpreso 11 lavoratori, tra cui anche un minorenne, tutti “in nero”.

Tre di loro, oltre a lavorare in quel sito illegalmente, erano anche intestatari del reddito di cittadinanza, cosa che ha comportato per loro una denuncia per truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

I due titolari dell’impresa sono stati denunciati. Nel piazzale di circa 5.000 metri quadrati gli agenti hanno trovato oltre 25 tonnellate di materiali ferrosi, ma anche rame e alluminio, oltre a batterie d’auto, scocche di vetture arrugginite, elettrodomestici rottamati, cartone e pericolose traversine in legno, il cui trattamento chimico e’ notoriamente cancerogeno e dannoso per l’ambiente.

Sono stati rilevati anche sversamenti di oli minerali esausti e di altri liquidi pericolosi nel terreno, proprio in prossimità di un canale, con grave pericolo sia per l’inquinamento del suolo e delle eventuali falde acquifere, sia del mare.

I titolari dell’impresa dovranno rispondere di gestione illegale di rifiuti speciali pericolosi, sfruttamento dello stato di bisogno dei lavoratori e impiego di minori, incauto acquisto di oggetti (in particolare, il rame) di sospetta provenienza furtiva e reati in materia di sicurezza e salubrità sui luoghi di lavoro.

Infatti, nonostante la materia “trattata” costituisse un potenziale pericolo per gli addetti alla movimentazione e alla lavorazione, i dipendenti non facevano uso di alcun dispositivo di protezione individuale, ne’ erano state adottate precauzioni per evitare l’insorgere di malattie nei lavoratori. L’intero impianto illegale e’ stato sequestrato.

Sempre nell’area dell’Oasi del Simeto, i controlli sono stati estesi anche ai veicoli in circolazione. Sono stati cosi’ fermati e controllati due autocarri che trasportavano 3 tonnellate di legna. A bordo dei veicoli, due minori di 12 e 13 anni – veramente piccoli, per essere impegnati in un lavoro cosi’ gravoso – che erano sprovvisti del benché minimo presidio di sicurezza per evitare incidenti sul lavoro.

Anche in questo caso, i responsabili sono stati indagati per reati in materia di sicurezza e salubrità sui luoghi di lavoro e per l’indebito impiego dei minori in attività lavorativa pesante e senza il rispetto delle norme di sicurezza. Ancora una volta, e’ scattato il reato di truffa aggravata per uno dei due autisti, che era intestatario di indennità di disoccupazione, pur non avendone alcun diritto.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.