12 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.55
Messina

IL PRESIDENTE ZANNA ANALIZZA LA SITUAZIONE

Ambiente, Legambiente sullo Stromboli: “è una normalità apparente”

13 Luglio 2019

E’ una normalità apparente quella che si respira a Stromboli. Tutto e’ sospeso, in attesa che le attività del vulcano si tranquillizzino, si rimetta in funzione pienamente il sistema di monitoraggio, si possano riprendere le escursioni verso la sciara di fuoco“. A dichiararlo Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia, oggi a Stromboli, per rendersi conto della situazione.

L’inaspettato episodio parossistico del 3 luglio – continua Zanna – ha fatto chiarezza su alcune questioni. Intanto, questi eventi sono imprevedibili e non c’e’ modo di prevenirli, come ha detto chiaramente l’INGV. Perfino sullo Stromboli, che ha un sistema di monitoraggio altamente professionale, avanzato e continuo. La Protezione Civile, che sorveglia lo Stromboli costantemente e che deve comunque rafforzare la sua presenza sull’isola, deve porsi il problema di estendere le proprie attività anche ad altre aree naturali sulle quali insistono altri pericoli per i visitatori, le persone, gli ambienti, le strutture esistenti“.

Zanna commenta anche l’operato della Protezione Civile: “La Protezione Civile deve avere la prontezza di intervenire, valutare il rischio e decidere le possibili, se necessarie, chiusure. E questa e’ l’unica risposta seria rispetto a quella finora imposta da alcuni uffici periferici della Regione con la chiusura sine die delle aree protette potenzialmente minacciata da pericoli di crolli, frane, dissesti. E’ chiaro che non può essere questa la soluzione e i danni alle economie di questi territori cominciano a farsi sentire. Infine, e’ necessario – conclude Zanna – garantire la giusta e responsabile fruizione di questi luoghi dove i rischi sono connaturati alla natura presente. I visitatori, gli escursionisti devono avere tutte le informazioni possibili, in particolare dei pericoli incomprimibili presenti, ed effettuare la passeggiata, l’escursione o altro, in modo rispettoso e con grande attenzione, sapendo che stanno visitando un luogo in cui e’ la natura a comandare e a decidere“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.