Ambiente, un ex operaio di Gela svela: "Mi facevano seppellire i rifiuti dell'Eni sotto terra" :ilSicilia.it
Caltanissetta

aperta un'indagine

Ambiente, un ex operaio di Gela svela: “Mi facevano seppellire i rifiuti dell’Eni sotto terra”

di
3 Novembre 2018

Il procuratore di Gela, Fernando Asaro, ha avviato un’indagine dopo la testimonianza di Emanuele Pistritto, 70 anni, che ieri davanti alle telecamere del programma “Nemo”, su Rai2, ha rivelato clamorosi episodi di inquinamento del suolo e del sottosuolo con rifiuti industriali provenienti dal petrolchimico dell’Eni.

Pistritto, proprietario e conduttore di pale meccaniche, ora in pensione, per molti anni è stato titolare di appalti nel settore del movimento terra e di materie prime nello stabilimento. Gli scarti della lavorazione della chimica e della raffineria sarebbero stati sotterrati in grandi vasche di oltre 500 metri quadrati e della profondità di 15 metri, a est del petrolchimico. Dentro vi sarebbe stato scaricato di tutto: “Dall’amianto agli anelli di ceramica dei reattori – si autoaccusa il testimone – che mi facevano frantumare con i cingoli delle ruspe”.

“Gli ingegneri – racconta Pistrittodicevano che ‘qui fra 50 anni moriranno tutti di tumore’. E infatti da un po’ di tempo in qua a Gela nessuno muore più di vecchiaia”.

L’uomo alcune settimane fa era andato in procura a denunciare dopo la sollecitazione del giornalista di Nemo. Asaro dice che l’indagine intende andare “fino in fondo per accertare quanto ha dichiarato il testimone“. Le indagini riguardano un sito dove l’Eni ha realizzato molte discariche autorizzate e controllate.

Tuttavia ha tenuto a precisare che la denuncia del palista “non è una novità assoluta. C’è già un processo in corso sull’unica vasca attiva delle 10 esistenti, sequestrate nel 2011, per fatti avvenuti fino al 2009 e denunciati da un operaio a questo ufficio, quando era retto dalla collega Lucia Lotti“. Il dibattimento riprenderà il 13 novembre.

Quello che denuncia Pistritto interesserebbe un sito adiacente: l’inchiesta su quest’area ha portato al processo denominato “Black all”. A gennaio 2019, infine, riprenderà un altro processo con 23 imputati tra dirigenti e tecnici Eni, per disastro innominato (ambientale) di terra, aria, suolo e sottosuolo.

LE REPLICA DELL’ENI:

eni«In relazione ai fatti descritti dal programma televisivo Nemo, andato in onda ieri, sulla gestione dei rifiuti del petrolchimico di Gela – Eni informa in una nota – che tutte le società del gruppo, che hanno operato nel sito di Gela, hanno sempre rispettato le normative vigenti in materia di gestione e smaltimento dei rifiuti industriali. Eni, inoltre, dopo aver appreso dai mezzi di comunicazione dell’avvio di un’indagine in merito a quanto descritto, ribadisce la più assoluta e trasparente collaborazione con le autorità competenti al fine di giungere alla verità dei fatti».

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.