Ambulantato selvaggio a Torre Faro: faccia a faccia tra il sindaco e i venditori abusivi :ilSicilia.it
Messina

Disposto lo sgombero di 50 bancarelle

Ambulantato selvaggio a Torre Faro: faccia a faccia tra il sindaco e i venditori abusivi

di
20 Agosto 2018

Blitz del sindaco di Messina, Cateno De Luca a Torre Faro per contrastare il proliferare dell’ambulantato abusivi, che affligge ormai da parecchio tempo il territorio peloritano. Il primo cittadino ha comunicato lo sgombero dell’area ai venditori non in regola, che non risultano cioè in possesso di alcuna autorizzazione. Non è mancato qualche momento di tensione tra le parti.

“Trovateci un lavoro, noi dobbiamo campare, qui c’è fame”, hanno esclamato gli ambulanti di Torre Faro. “Non abbiamo la cassaforte, dobbiamo fare rispettare le regole. Non può continuare così”, ha risposto De Luca. Poi altre contestazioni al primo cittadino: “Se non possiamo rimanere così, ci dica lei come possiamo sopravvivere, abbiamo tutti famiglia, la gente deve andare a rubare?“. “Chi ha fatto l’istanza di messa in regola non ha nulla da temere, chi non è in regola va via”, ha aggiunto De Luca.

“Abbiamo disposto lo sgombero di una cinquantina di bancarelle abusive lasciandone una minima parte che non crea problemi di ordine pubblico o intralcio e che comunque appartengono ad ambulanti che avevano regolarizzato la loro posizione. Inizialmente si è arrivati allo scontro mentre poi è prevalso il buonsenso con una gran parte di sgomberi che sono stati eseguiti spontaneamente da parte degli abusivi che hanno compreso che il tempo della illegalità è finito”.

“Proprio per consentire a chiunque voglia mettersi in regola di avere la possibilità di lavorare tranquillamentecontinua De Luca – mercoledì mattina è stata fissata una riunione presso la sala ovale a Palazzo Zanca con i rappresentanti dei venditori ambulanti. Chi non si mette in regola non potrà occupare le nostre strade e le nostre piazze. Ringrazio i Carabinieri, la Polizia, la Digos, la Polizia Metropolitana ed i colleghi della Polizia municipale”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin