Americano fermato all'Aeroporto di Trapani con armi e droga :ilSicilia.it
Trapani

Controlli dell'Agenzia delle Dogane

Americano fermato all’Aeroporto di Trapani con armi e droga

di
1 Maggio 2021

Un cittadino americano di 64 anni, trovato in possesso di armi e droga, e’ stato fermato all’Aeroporto di Trapani a seguito di controlli eseguiti dai funzionari dell’Agenzia delle Dogane, congiuntamente con Guardia di Finanza, Polizia di Frontiera e Agenti della Squadra mobile.

L’uomo è stato individuato nell’ambito dei controlli doganali effettuati dai funzionari ADM di Trapani. Il cittadino americano era da poco atterrato all’aeroporto trapanese a bordo di un jet privato decollato da Valdice, in Florida.

Nel corso della perquisizione, eseguita con scrupolosa attenzione all’interno dell’aeromobile su cui viaggiava, i funzionari dell’Agenzia delle Dogane hanno rinvenuto armi (due pistole, una carabina, archi e frecce) e droga, occultata in sacchetti sottovuoto all’interno di thermos in modo da sfuggire al controllo eseguito con unità cinofila.

L’uomo è stato sottoposto a fermo su ordine della Procura di Trapani (procuratore aggiunto Maurizio Agnello e sostituto procuratore Giulia Mucaria) e trasferito nel carcere Pietro Cerulli, in attesa di convalida del provvedimento di restrizione.

Sono ancora in corso ulteriori approfondimenti sulle armi sequestrate, che verranno sottoposte ad una perizia balistica e su eventuali precedenti giudiziari maturati dall’uomo negli Stati Uniti.

Si sta cercando di far luce su rapporti e collegamenti dell’uomo e quali potevano essere, dunque, i movimenti successivi che avrebbe compiuto dopo il suo sbarco in Sicilia.

La droga e gli altri stupefacenti rinvenuti sono stati presi in consegna dal’Agenzia delle Dogane di Trapani per essere sottoposti ad analisi presso i laboratori chimici dell’Agenzia.

Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin