Amianto, De Luca lancia l'allarme: "Nelle baracche di Messina rischio tumori ai polmoni" :ilSicilia.it
Messina

L'incubo asbestosi

Amianto, De Luca lancia l’allarme: “Nelle baracche di Messina rischio tumori ai polmoni”

di
1 Settembre 2018

Il sindaco di Messina, Cateno De Luca lancia un inquietante allarme sulla situazione nelle baracche, dove da oltre 100 anni vivono circa 10 mila famiglie. “Chi vive nelle baracche si ammala di asbestosi, una specie di tumore ai polmoni. C’è già un caso accertato e certificato a Fondo Fucile”.

Il primo cittadino ripropone la necessità di dare una svolta sull’emergenza e preannuncia “una immediata azione straordinaria di controllo sulle 10 mila persone che vivono ancora nelle baracche. C’è un certificato medico del 28 agosto scorso. Mentre la politica discute sul sesso degli angeli, la gente muore”.

amiantoL’asbestosi è la malattia polmonare cronica conseguente alla inalazione delle fibre di amianto (asbesto) che penetrando attraverso le vie respiratorie raggiungono gli alveoli polmonari. Provoca una riduzione della ventilazione polmonare che si traduce in una progressiva incapacità per il soggetto che ne è affetto di respirare per la progressiva riduzione dell’elasticità polmonare.

Le manifestazioni cliniche più eclatanti dell’asbestosicontinua De Luca – impiegano anni per manifestarsi sotto forma dei tumore del polmone e del mesotelioma pleurico che compaiono anche dopo trent’anni dall’iniziale esposizione all’asbesto e hanno prognosi infausta. Ad oggi, purtroppo, non esiste cura per l’asbestosi.

E la situazione è destinata a peggiorare. Secondo l’ONA, Osservatorio Nazionale Amianto, ogni anno in Italia muoiono più di seimila persone per patologie correlate all’amianto. Il dato, già terrificante, è destinato a crescere perché non esiste in Italia una mappatura della presenza di amianto, che è stato ampiamente utilizzato nell’edilizia, negli edifici pubblici e privati”.

asbestosi nelle baracche

E sempre l’ONA ha stimato che il picco di mesoteliomi si verificherà tra il 2020 ed il 2030 e questo perché il mesotelioma può manifestarsi anche a distanza di 40-50 anni dalla prima esposizione alle polveri e fibre di amianto. Poiché il periodo di più intenso utilizzo e di più elevata esposizione è quello dal 1960 al 1985, e tenendo conto dei tempi di latenza, secondo l’Osservatorio il presumibile picco delle patologie asbesto-correlate, ed in particolare dei mesoteliomi, si verificherà tra il 2020 ed il 2030.

“E’ una situazione che fa tremare al solo pensiero e che va assolutamente affrontata al più presto”, avverte De Luca.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.