Amianto di Priolo, Prestigiacomo: "Sentenza beffa inaccettabile" :ilSicilia.it
Siracusa

MANIFESTAZIONE ATTESA A ROMA

Amianto di Priolo, Prestigiacomo: “Sentenza beffa inaccettabile”

di
12 Ottobre 2020

Sono vicina agli ex lavoratori dell’amianto di Priolo che una ingiusta sentenza ha discriminato, penalizzato e condannato a un drammatico destino che prevede la restituzione di quote di pensione percepite che la legge aveva loro riconosciuto, e per il futuro a un drastico taglio di ciò che per legge spetterebbe loro“.

Lo dichiara la deputata di Forza Italia, Stefania Prestigiacomo.  Nell’ottobre 2018 dieci lavoratori delle Industrie meccaniche siciliane avevano ottenuto il diritto alla pensione dal tribunale di Siracusa.

L’Inps aveva fatto ricorso e la corte d’appello di Catania, lo scorso 3 luglio, ha ribaltato la sentenza. Il giudizio ha bloccato le richieste avanzate, nel frattempo, da altri lavoratori che da mesi protestano davanti al Comune di Priolo, ricevendo la solidarietà del sindaco Pippo Gianni.

Domani una delegazione di ex dipendenti delle Industrie meccaniche terrà una manifestazione a Roma, al Campidoglio. Alla protesta prenderà parte anche il sindaco.

LE PAROLE DI STEFANIA PRESTIGIACOMO

La vicenda che riguarda i lavoratori dell’amianto – prosegue la deputata – rappresenta una beffa inaccettabile davanti alla quale non si può restare indifferenti. I lavoratori esposti all’amianto hanno subito un doppio danno“.

Secondo la deputata i lavoratori avrebbero infatti lavorato in condizioni dannose per la loro salute, che in molti casi hanno prodotto l’insorgere di gravi malattie“. Infine, si sono anche visti negare il riconoscimento dei loro diritti.

C’è una legge del 1992 – ha aggiunto – che riconosce uno specifico beneficio pensionistico. Nel 2015 sono state varate altre norme specifiche per i lavoratori del settore metalmeccanico esposti all’amianto.

La norma è chiara, ma i governi che si sono succeduti dal 2015, come spesso accade, si sono dimenticati di varare le disposizioni attuative che consentirebbero l’applicazione della legge“.

L’accusa dell’esponente azzurra si rivolge anche all’Inps, che “spende risorse per ricorrere in appello contro una sentenza già vinta dai lavoratori in primo grado.

Confido in un intervento risolutivo della ministra Nunzia Catalfo – ha concluso la deputata Prestigiacomo – che so sensibile a questo problema. Serve una soluzione definitiva che restituisca dignità e fiducia ai cittadini coinvolti in particolar modo in un momento così drammatico per l’intero paese.

Ringrazio l’onorevole Pippo Gianni, oggi sindaco di Priolo, e l’avvocato Ezio Bonanni per il loro storico impegno a favore del riconoscimento dei diritti di questi lavoratori“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin