Amianto e degrado all'ippodromo di Palermo: "Serve subito una maxi bonifica" | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

L'ALLARME DI SABRINA FIGUCCIA

Amianto e degrado all’ippodromo di Palermo: “Serve subito una maxi bonifica” | FOTO

6 Luglio 2018

amianto all'ippodromo di PalermoPALERMO“Un’immensa discarica a cielo aperto, con montagne di amianto e rifiuti di ogni genere: questa è l’attuale desolante situazione dell’ippodromo di Palermo, chiuso nei mesi scorsi su ordine della Procura della Repubblica e tornato nella disponibilità del Comune, che però finora non ha mosso un dito per cercare di mantenere puliti i locali, le stalle e l’intera struttura”.

Lo afferma Sabrina Figuccia, consigliere comunale di Palermo, che prosegue: “Queste ultime settimane di abbandono totale stanno trasformando quello che era un piccolo gioiellino nell’ennesima cattedrale nel deserto, dove regnano soltanto degrado e sporcizia.

È assolutamente indispensabile che venga disposta al più presto la bonifica di tutto l’ippodromo, soprattutto per rimuovere le tonnellate di amianto che rischiano di disperdersi nei dintorni, a cominciare dal limitrofo parco della Favorita”.

udcIn attesa che in futuro la situazione torni nella legalità e che finalmente si possa riprendere l’attività, l’ippodromo non merita di finire come altre strutture simili, come, ad esempio, il palasport di viale dell’Olimpo, abbandonato a sé stesso da ormai troppo tempo”.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.