Amianto killer in Sicilia: 600 morti nel 2017. La mappa delle aree a rischio :ilSicilia.it

Studio Ona, vittime operai e residenti aree industriali

Amianto killer in Sicilia: 600 morti nel 2017. La mappa delle aree a rischio

17 Novembre 2018

Sono 600 i decessi per amianto registrati in Sicilia nel 2017: tra i morti ci sono operai impegnati nei maggiori poli industriali, loro parenti ma anche persone che non hanno mai lavorato in fabbrica ma erano residenti nelle zone a ridosso degli stabilimenti.

È quanto sostiene una ricerca dell’Ona, l’Osservatorio nazionale amianto diretto dall’avvocato Ezio Bonanni, che a Gela ha presentato un dossier specifico da asbesto sui rischi lavorativi e ambientali nei petrolchimici in Italia.

È risultato che degli ultimi 600 decessi, 100 sono avvenuti per mesotelioma e figurano così ripartiti: 20 per l’area industriale di Gela, 25 in quella di Priolo, 20 a Milazzo, 30 ai cantieri navali di Palermo, tre a Termini Imerese tra i dipendenti di un’azienda che produce abbigliamento ignifugo, e due tra i dipendenti di una ditta di San Cataldo (CL) che costruiva serbatoi e vasche in cemento-amianto.

petrolchimicoI restanti 500 sarebbero avvenuti per tumori sempre da amianto all’apparato respiratorio, all’apparto digerente e alle ovaie.

Secondo l’Ona salgono così a 12 mila i decessi negli ultimi 20 anni per varie forme di cancro legate all’asbesto. Il dossier che ha censito la mortalità da amianto nelle aree delle raffinerie e negli stabilimenti di chimica e petrolchimica in Italia ha permesso di accertare che nel 2017 i decessi per esposizione all’amianto sono stati 3.500 di cui 868 per mesotelioma.

“La condizione di rischio dovuta all’utilizzo di amianto e altre agenti patogeni e cancerogeni in assenza di cautele – ha detto Bonanni – ha determinato casi di mesotelioma e altre patologie anche tra coloro che mai hanno messo piede nei singoli petrolchimici. Per questi motivi – ha aggiunto – l’Ona si è rivolto a tutte le autorità affinché tutti i siti siano immediatamente bonificati, a partire da Gela e Siracusa e si emettano degli atti di indirizzo ministeriali affinché i lavoratori esposti possano ottenere il riconoscimento dei benefici contributivi utili al prepensionamento”.

 

LEGGI ANCHE:

Ambiente, un ex operaio di Gela svela: “Mi facevano seppellire i rifiuti dell’Eni sotto terra”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.