Amici della Musica: aprono la stagione 2020 Ramin Bahrami e Danilo Rea :ilSicilia.it
Palermo

è la 88esima

Amici della Musica: aprono la stagione 2020 Ramin Bahrami e Danilo Rea

di
14 Novembre 2019

Guarda il video in alto 

La stagione concertistica 2020 dell’Associazione Siciliana Amici della Musica sarà all’insegna delle contaminazioni musicali: dal classico al contemporaneo con incursioni in terreni mai esplorati.

L’edizione numero 88, dal prossimo anno si tornerà ad avere “programmazione solare”. La direzione artistica di Donatella Sollima, da gennaio a maggio, prevede 21 appuntamenti in abbonamento: 10 per il turno pomeridiano e 11 per quello serale.

Nomi prestigiosi di rilievo internazionale, come sottolinea nella video intervista la presidente dell’Associazione Milena Mangalaviti.

Un cartellone che spazia dalla classica, al jazz, dal tango alle colonne sonore dei film, per raggiungere attraverso nuovi linguaggi un pubblico sempre più trasversale.

Amici della Musica

L’ inaugurazione del turno pomeridiano ospiterà l’Orchestra sinfonica del Conservatorio  Alessandro Scarlatti di Palermo, diretta da Ottavio Marino, insieme a Giuseppe Andaloro, Giovanni e Luigi Sollima.

Insieme infatti renderanno omaggio al compositore Eliodoro Sollima in occasione del ventennale della  scomparsa, lui che ne fu direttore.

L’apertura della stagione 2020

Ramin Bahrami e Danilo Rea (21 gennaio) inaugureranno la stagione serale con “Bach is in the Air“.

Il progetto nasce dalla coraggiosa scommessa di due pianisti di diversa estrazione e cultura, uno classico e l’altro jazz, che coniugano rigore formale e improvvisazione nella musica senza tempo di Bach.

Sul palco del Politeama Garibaldi musicisti di nuova generazione che negli ultimi anni hanno catturato l’attenzione delle platee e della critica.

Da Nicolas Altstaedt, considerato uno dei violoncellisti più creativi e versatili, all’elegante e virtuoso violinista di origine serba Stefan Milenkovich. E poi il flautista Andrea Griminelli e i pianisti Anna Ktavtchenko e Roberto Prosseda.

Novità di quest’anno è la collaborazione tra gli Amici della Musica e l’Associazione “Musica con le Ali”, di Carlo Hruby che promuove e sostiene i giovani talenti.

SPAZIO ANCHE PER IL JAZZ

Spazio anche per il jazz, con la pianista Rita Marcotulli.

La cantante Olivia Sellerio renderà omaggio ad Andrea Camilleri con le musiche da lei composte per la celebre serie televisiva del Commissario Montalbano.

Per la musica da film sarà presente il celebre direttore d’orchestra Paolo Vivaldi, autore di colonne sonore delle più importanti fiction TV.

Il 27 gennaio, giorno della memoria, l’attore Gioele Dix darà vita ad uno spettacolo musico-teatrale dedicato alle vittime della Shoah.

La danza all’interno degli Amici della Musica vedrà il ritorno del pianista Giovanni Bellucci con lo spettacolo”Jeux interdits“, insieme alla coreografa e danzatrice Eugénie Andrin, con la regia multimediale di Gabriel Grinda.

Ed inoltre il tango argentino con celebre ballerino e coreografo Roberto Herrera.

Tra le formazioni cameristiche, infine, il Trio Gaspard e il Trio Metamorphosi; I Solisti della Scala con il pianista Emilio Aversano e i Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino.

Sul sito dell’Associazione il programma completo e dettagliato della nuova stagione.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.