Amici della Musica, i concerti con i Fratelli Mancuso e le gemelle Sulkhanishvili | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Lunedì 23 e martedì 24 aprile

Amici della Musica, i concerti con i Fratelli Mancuso e le gemelle Sulkhanishvili | VIDEO

di
20 Aprile 2018

 

Dal pianoforte a quattro mani di Ani e Nia Sulkhanishvili, ai Fratelli Mancuso con Giovanni Sollima: sono loro i protagonisti dei prossimi concerti al Teatro Politeama Garibaldi, per la stagione 2018 degli “Amici della Musica“.

sulkhanishvili

Lunedì 23 (alle 17.15) sarà la volta delle gemelle Sulkhanishvili. Il concerto, in collaborazione con il Goethe Institut di Palermo, prevede Mozart, Schubert, Smetana, Dvorák e Groslot, in un programma che, spaziando dall’ambito classico ad opere più contemporanee, metterà in scena tutta la varietà del repertorio pianistico per quattro mani.

Il concerto si concluderà con la “Sonata per quattro mani” che il compositore belga Robert Groslot ha composto appositamente per le pianiste georgiane.

Le Sulkhanishvili oggi studiano al Conservatorio di Monaco, in Germania, e svolgono un’ intensa attività concertistica in Europa, Africa e Cina.

Per il turno serale di martedì 24 (alle 21),, saliranno sul palco i Fratelli Mancuso, accompagnati da Giovanni Sollima, in “Un canto essenziale”.

fratelli-mancuso

Il concerto affida alla nudità della voce e a una scelta attenta degli strumenti il compito di guidare il pubblico attraverso le tappe più significative del percorso umano e musicale dei fratelli Enzo (canto, chitarra. saz baglama , saz divan, ghironda, violino, sipsi) e Lorenzo (canto, chitarra. harmonuim, percussioni).

Canzoni, canti sacri a cappella, narrazioni, poesia, insieme formano l’ordito di una trama dove musica e vita si intrecciano in una armonica figura di espressività e passione.

A loro si unirà Sollima col suono lirico e struggente del suo violoncello, mescolando al rigore dell’antico una visione di contemporaneità.

Teatro di viaggio è la Sicilia, con i tesori che l’Isola nasconde. Incandescente come un meteorite sussurra, grida e canta nelle mille modulazioni di accenti e cadenze: un alfabeto che risuona e di volta in volta si fa memoria.

Si percorreranno con il canto paesi e lingue dei migranti in viaggio sul Canale di Sicilia, con l’anima sospesa su un barcone, come sul ciglio di un nero precipizio, nella ormai quotidiana lotta della vita contro la morte.

I fratelli Mancuso sono nati a Sutera. Negli anni ’70 emigrano a Londra e lì lavorano per otto anni in fabbrica; tornati in Italia si stabiliscono a Città della Pieve. Dopo aver inciso, in Spagna, gli album Nesci Maria (1986) e Romances de alla y de aca (1990), nel 1993 raccolgono insieme a composizioni proprie, i canti del loro paese, curando l’edizione del cd Sutera, tradizione musicale di un paese della Sicilia.

Nel 2017 viene loro conferito il dottorato honoris causa in Scienze cognitive dall’Università di Messina e il premio Loano alla Carriera.

Informazioni su disponibilità degli biglietti sul sito dell’Associazione.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin